30.11.06

FoodBlog Italiani: sempre di più!

FoodBlog Italia Logo


Mi sono arrivate alcune segnalazioni di nuovi blog, girovagando per intenrnet ne avevo trovati alcuni anche io poi, l'altro giorno, una scoperta. Ho letto sul forum di AmiciInCucina che anche un'altra persona si era preoccupata di catalogare i FoodBlog italiani. Si tratta di JM, cuoco di professione, che gestisce ormai da parecchi anni il sito www.buonappetitoate.com che si occupa proprio di catalogare tutti i siti/forum che si occupano di Food&Wine.
Integro la mia lista anche con i blog raccolti da JM e che a me erano sfuggiti.

Albusilan
Casa Dolce Casa
Diario di una passione
Dolci Profumi
Geranio rosso
Gusti tuoi e gusti miei
Il blog di bibliotèq
il maialino
In punta di Forchetta
L'angolo cottura
L'arte della cucina
La cucina del Battello
LaGiostra in cucina
Lancillotto e il mestolo d'oro
Mi piace settembre - Blog
Nuvole e Pane
Poggio Argentiera
Presi per la Gola
RebusWorld
SensoryBlog
The cHef is on The TaBLe
Trattoria Da Livio
Una Ricetta al Giorno
Wine Blog


29.11.06

Monaco (dei colori)






Questi sono solo una piccola parte dei colori che si possono vedere al Viktualienmarkt: un mercato permanente, nel cuore di Monaco di Baviera, dove è possibile trovare frutta, verdura, spezie e formaggi provenienti da tutto il mondo. Vasto assortimento anche di pescherie, macellerie e profumatissime panetterie.
Intorno a questo mercato vi sono poi tantissimi negozi irresistibili: utensili in legno per la cucina, un magazzino a 3 o 4 piani di casalinghi e anche una piccola gemma che non ho visto ma del quale ho appreso l'esistenza dal blog di Nicky: Sama-Sama

Technorati Tags: /,

27.11.06

Onion Day: Milky Baked Onions

Versione Italiana più giù...

Here is my entry for Zorra's new event: Onion Day.
This couldn't be considered a recipe: it's too simple! :o)
This is an easy way to cook onions and the one I prefer. Baked onions remember me the childhood and the warm kitchen where my family stay together.
I've used wite onions that are more sweet than the yellow ones.


Milky Baked Onions
Ingredients:
4 white onions
1 bay leaf
milk
salt, pepper and olive oil.

Peel the onions and cut them in half. Place the onions, cut side up, in a baking pan toghether with the bay leaf.
Add salt anf fresh ground pepper over each onion. Pour enough milk into the pan to cover the bottom of the onions.
Cover with parchment paper and alluminum foil and put in pre-heat oven at 180°C.
After 20 minutes uncover the pan, add a little of oil and let the milk evaporate and make a brown crust.


Search Tags:



Italian now!


Come avevo scritto venerdì oggi è l'Onion Day.
Per questa occasione ho preparato un piatto "della memoria" che, per la sua semplicità, non può nemmeno essere considerato una vera e propria ricetta.
Per la sua preparazione ho usato le cipolle bianche che io trovo più dolci e delicate rispetto a quelle gialle.

Cipolle al forno col latte
Ingredienti:
4 cipolle bianche
1 foglia di alloro
Latte
sale, pepe e olio e.v. di oliva
Pelare le cipolle e tagliarle a metà.
Disporle in una teglia da forno con la parte tagliata in alto. Salarle e peparle.
Versare il latte nella teglia fino a cporire la base delle cipolle.
Coprire la teglia con cartaforno e alluminio.
Fare cuicere 20 minuti in forno a 180°C, poi scoprire, aggiungere un po' di olio e lasciare asciugare il latte in modo che formi una sottile crosta marroncina.

24.11.06

Cena senza Gas


Siamo rimasti una sera senza gas a causa di lavoretti da fare in cucina ma abbiamo comunque rimediato e organizzato una cenetta da Re! :o)
Il menu comprendeva:
  • salamella dolce
  • ammazzafegato: un salume dal sapore molto deciso e, come dice il nome, a base di fegato
  • finocchiona: il tipico salame maremmano aromatizzato con semi di finocchio.
  • salmini di chinghiale
  • salamella piccante (fuori foto)
Sono salumi provenienti dalla cantina I Vini di Maremma.
Questo negozio situato in campagna propone una vasta scelta di ottimi salumi e formaggi prodotti nei dintorni, con la comoda possibilità di farseli confezionare sottovuoto.
Si trovano anche il vino (venduto in bottiglia o dal "distributore" tipo pompa di benzina) e l'olio prodotti sempre in zona.
Una visita al negozio nelle prossime settimane potrebbe essere interessante: si potrebbe fare un po' di scorta per i ricevimenti in occasione delle feste natalizie e far confezionare ceste regalo con cui sostituire i classici pensierini che si scambiano a Natale.

Cantina I Vini di Maremma
Tel. 0564.34426
Loc. Il Cristo (Marina di Grosseto)

Scadenze e nuovo appuntamento

Fotografia
Oggi, 24 novembre, è l'ultimo giorno per cercare tra le foto pubblicate durante il mese di Ottobre, scegliere la più bella e inviarla ad Andrew per partecipare all'11-esima edizione di Does My Blog Look Good In This 2006

Dolci tentazioni
Io non sono riuscita nè a comprare qualche tartufo di cioccolata in pasticceria nè a prepararne e così non posso partecipare al "Venerdì più dolce che c'è" (SHF) che ricorre proprio oggi.
Fino a stasera si è in tempo per pubblicare e segnalare a ThePassionateCook i propri lavori.

Le cipolle

Relegate spesso a base per i soffritti le cipolle, questo mese, hanno il loro momento di gloria!
Zorra invita tutti a partecipare ad una nuova giornata a tema. Dopo il World Bread Day (che sta ancora continuando)lunedì 27 Novembre sarà l' Onion Day.
Coraggio: c'è tutto il w-end per preparare un piatto in cui le cipolle siano protagoniste!

23.11.06

Monaco (di miele)




Un assaggio del nostro viaggio di nozze (Meglio tardi che mai! :o) )in una citta bellissima (Monaco di Baviera) e assistiti da uno splendido "Golden October".

21.11.06

La prova del Forno


Cambio di casa, cambio di forno.
Il passaggio è un po' traumatico. Prima avevo un forno elettrico un po' strano: cuoceva le torte impostando la manopola su 150°C. Ora ho un forno a gas da imparare a conoscere.
Nella foto c'è il primo esperimento riuscito perfettamente... peccato che abbia impiegato 1 ora e 40 minuti per cuocersi!!!
E' la torta di mele di casa mia, con aggiunta di uvetta ammollata in rhum perchè non avevo abbastanza mele e la casa non era ancora dotata di Liquore Strega.
Penso che, in futuro, sarà necessario uno studio approfondito sulla regolazione del calore del forno :)

20.11.06

Tagliatelle e Zucca


Continua il capitolo "Zucca mon amour"!
Girellando tra blog e raccolte di ricette online ho trovato questa ricetta su Epicurious.
Ho pensato di provarla poiché in casa avevo sia la zucca, sia i funghi shiitake che non vedo l'ora di finire perché, seppur sigillati, hanno già impregnato con il loro aroma un armadietto della cucina.
Ovviamente non ho applicato alla lettera la ricetta, diciamo che ho sfruttato l'idea di fondo.

Tagliatelle alla Zucca e Funghi Shiitake su fonduta di Gruviere
Ingredienti:
Tagliatelle fresche o secche
Zucca Ferrarese
Funghi Shiitake
Scalogno
Latte
Gruviere
sale, olio extra v. di oliva


Ammolare i funghi in acqua per 3 ore. Sciacquarli e tagliarli a fettine eliminando il gambo duro. In una padella far rosolare una parte dello scalogno con un po' di olio, aggiungere i funghi e fare cuocere aggiungendo, eventualmente, un po' di acqua dei funghi filtrata. Regolare di sale e conservare in caldo.
Pulire e tagliare la zucca a cubetti, metterla in una casseruola con lo scalogno grossolanamente tritato. Far scaldare le verdure e successivamente aggiungere l'olio. Rosolare brevemente, mescolando frequentemente, poi aggiungere un bicchiere d'acqua. Cuocere mantenendo il tegame coperto e a fiamma moderata. A fine cottura regolare di sale e fare asciugare l'acqua in eccesso togliendo il coperchio e aumentando la fiamma. Con la forchetta ridurre la zucca in puree.
Tagliare il gruviere a pezzi e scioglierlo in un tegamino aggiungendo un po' di latte.
Cuocere le tagliatelle e passarle in padella unendo la zucca e i funghi.
Servire le tagliatelle adagiate sulla fonduta.

16.11.06

Torta da Tiffany

(Nota: La foto è orribile e non rende giustizia alla torta ma quando uno si sposa non può riuscire a fare tutto tutto per bene :o) )

In tutti i matrimoni a cui ho partecipato la torta e sempre stato un momento delicato. Di solito si arriva abbastanza sazi e fa star male anche solo l'idea di mangiare una briciola delle torte multi-piano a base di pan di spagna e crema, ricoperte dal litri di panna montata con ghirigori. Altre volte le torte sono esteticamente semplici ma pesanti al palato. Sembra che la torta venga considerata solo un oggetto con cui scattare la mitica foto del taglio e a seguire la foto con i flute incrociati.
Per il nostro matrimonio avevo deciso di provare a dare importanza anche alla torta.

Primo: il tipo.
Ho voluto innanzitutto che fosse la preferita di mio marito (tanto a me i dolci piacciono tutti) e così abbiamo scelto la millefoglie.

Secondo: dove?
Come secondo passo c'era la scelta della pasticceria. Per abitudine io avrei scelto la Pasticceria Dino anche se, ultimamente, mi sembra che i loro prodotti siano uniformi per quello che riguarda il gusto: una millefoglie ha lo stesso sapore di una torta mimosa, o di una mousse.
Ci hanno poi consigliato la Pasticceria Tiffany . Abbiamo fatto un confronto tra le due millefoglie e, senza esitazione, la nostra scelta è stata: TIFFANY!!!

Terzo: il look.
Non volevo la torta pannosa tutta riccioli e fiori freschi.
Così mi sono presentata al colloquio con il pasticcere con un foglietto in cui avevo disegnato sommariamente la mia idea... il pasticcere ha aggiunto la sua fantasia e così è nata questa torta stupenda e un po' fuori dagli schemi delle torte nuziali classiche..

Faccio qui i complimenti a Francesco Elmi, che opera nel laboratorio della pasticceria Tiffany, per la qualità e freschezza della pasta sfoglia, per la bontà dello zabaione che, assieme al cioccolato tritato grossolanamente, ricopriva uno strato della torta, per la decorazione con Croque en bouche (scelti da me) arricchita dal cioccolato, lo zucchero e le arance caramellate davvero squisite.
Ringraziano anche tutti gli invitati che hanno divorato la torta!



PASTICCERIA TIFFANY
Via Emilia Ponente, 1849 – 40024 Castel San Pietro (BO)
Tel.051 942952 - Fax 051 6940941
info@pasticceriatiffany.it

15.11.06

Se Staximo non va a Pizzarium...


...Pizzarium va da Staximo!!!!!!!!!!!!!!
:o)

Riscaldata è molto buona... per cui, appena fatta, deve essere fantastica!
Ho potuto assaggiare la pizza con le patate che è davvero insolita e buonissima (per i miei gusti appena un po' troppo saporita) e una "focaccia" con salame piccante.
Grazie a mio fratello Davide!!!!!!

14.11.06

Dispetti da Roma

Questa immagine mi è appena arrivata sul cellulare.
C'è "qualcuno" che si trova a Roma senza nulla da fare e ha pensato bene di mandarmi una foto del suo pranzo a base di pizza.
Il problema è che non è una pizza qualunque ma è la pizza di Fermenti, conosciuto sul forum del Gambero Rosso, che nella vita reale si chiama Gabriele Bonci.
Il suo regno si chiama Pizzarium, si narra che le sue pizze siano meravigliose e profumatissime grazie alla lunga lievitazione.
Ma io non sono riuscita ancora ad assaggiarle!!!!!!!
Sono invidiosissima di mio fratello che invece, proprio ora, si trova là!

Pizzarium
Via della Meloria, 43
Tel: 06/39745416
No domenica

13.11.06

Ho deciso: cambio look!

Dopo più di un anno ho deciso di rinnovare il look del blog.
Anche se il viola è il mio colore preferito avevo voglia di un aspetto più allegro e luminoso, comunque il viola non l'ho abbandonato del tutto :o)

Spero che funzioni ancora tutto, non ho avuto molto tempo per testare i cambiamenti e potrei aver fatto degli errori visto che non sono molto esperta di css e compagnia bella.
Avviso che, nei prossimi giorni, potrebbero esserci degli aggiustamenti. Mi scuso fin da ora perchè io stessa trovo insopportabili i continui cambiamenti nel look di un sito/blog.
Forse, in futuro, farò altri cambiamenti/aggiustamenti tra cui il cambio di dominio (fortemente proposto da mio fratello) ma ci devo ancora pensare.

Approfitto del post per alcune segnalazioni:

  • il 24 di Novembre è l'ultimo giorno utile per segnalare ad Andrew la miglior foto apparsa sul vostro blog nel mese di Ottobre e partecipare così a DMBLGIT 2006 #11.
    Sul blog si trovano tutte le informazioni per partecipare e si possono vedere le foto in gara: pag.1 pag.2!
  • Sempre il 24 di Novembre è il giorno giusto per partecipare a SHF (Sugar High Friday): il giorno più dolce di ogni mese!
    Protagonisti di questo mese sono i "truffles" al cioccolato

9.11.06

Semi di zucca tostati



Mai avrei pensato in vita mia di tostare i semi di zucca.
Poi, un giorno, ho letto questo post di Elise e casualmente mi trovavo in casa un "trofeo" portato a casa dal viaggio di nozze: una zucca spaghetti con dei bellissimi semi cicciotti all'interno.


Al momento di tostare i semi, però, non avevo stampato la ricetta e così ho seguito solo le istruzioni che ricordavo a memoria. Il risultato è stato comunque buono.

Semi di Zucca Tostati
Una Zucca
Sale

Tagliare a metà la zucca e raschiare l'interno. Separare i semi dai filamenti.
Lavare i semi e metterli in una pentola con acqua (1 tazza d'acqua ogni mezza tazza di semi) e sale (1 cucchiaio da tavola per ogni tazza d'acqua).
Portare a bollore l'acqua e lasciare cuocere per circa 10 minuti.
Scolare i semi e disporli su una teglia ricoperta di cartaforno.
Fare tostare i semi in forno per almeno 20 miuti a 180°, o fino a quando non sono dorati. Lasciare raffreddare fuori dal forno.

7.11.06

Il Pranzo di Nozze

Come festeggiare in modo adeguato il primo mese di matrimonio se non ripercorrendo i ricordi del pranzo di nozze? Questo era il nostro tavolo:


Posso dire che la scelta del luogo per il pranzo è stata quasi causale. Io avrei voluto festeggiare in un luogo molto vicino alla chiesa del nostro matrimonio soprattutto per agevolare i parenti più anziani. Tutto quello che trovato però non ci soddisfava: uno era troppo vecchio stile, l'altro non ci piaceva come ambiente, l'altro ancora era una vera e propria incognita per quello che riguardava la cucina.
Poi, inserendo le paroline "matrimonio Bologna" in Google, abbiamo trovato un posto lontanissimo e del quale non sapevamo assolutamente niente e lo abbiamo scelto perchè ci piaveva il luogo, la sala e anche la cucina che abbiamo avuto modo di assaggiare durante un sopralluogo.
Così la nostra festa si è svolta al Villaggio della Salute Più, un agriturismo centro benessere sulle colline sopra Castel San Pietro Terme.
Sinceramente eravamo un po' timorosi sulla riuscita della festa perchè non sapevamo come lavorava il ristorante dell'agriturismo con numeri elevati di persone. Il risultato invece ci ha pienamente soddisfatti: la sala era bellissima e confortevole per tutti gli invitati, il personale è stato molto gentile e non so se il mio giudizio è stato falsato dalla felicità, ma devo dire che le pietanze erano molto buone!
Unico inconveniente: il tempo è stato dispettoso e ci ha "regalato" una giornata grigia e piovviginosa così non ci siamo potuti godere lo splendido giardino dell'agriturismo.

Passo ora al menu.

- Antipasto con salumi, crescentine, fritto misto di verdure... lo hanno finito prima che io arrivassi :o( tutti hanno detto che sia il fritto che i salumi erano molto buoni.
- Passatelli in brodo: ottimo il brodo, passatelli un pelino troppo consistenti.


- Tortelloni profumati alle erbe: ottimi, fatti a mano con sfoglia spessa e ripieno generoso.


- Lasagna di crepes con ragù di carne: squisita...


- Arrosto di vitello con funghi e patate arrosto: carne teneressima e succulenta, patate "vere" e non precotte!


- Coscia di maiale alla brace: mi manca la foto ma era molto buona, cotta perfettamente e saporita anche all'interno.
- Verdure gratinate
- Parmigiana di carote
- La torta... prossimamente :o)

Mi avevano detto, prima del matrimonio, che le spose non mangiano mai niente ma io ho tenuto fede alla mia passione per il cibo e ho mangiato tutto! :o)
Tanto, anche rimanendo al mio tavolo avevo una buona visuale di tutti gli invitati:


Vorrei ringraziare ancora la Signora Mirella che si occupa della gestione del ristorante per avere reso possibile una così bella festa.

6.11.06

Nuovi arrivi

Ho la mia cucina da meno di un mese ma abbiamo già deciso di cambiare qualcosa così vi presento l'ultimo arrivo: il frigorifero nuovo!


Il vecchio, seppure perfettamente funzionante, era di una classe energetica molto svantaggiosa (C contro A+ di quello nuovo) ed era anche molto piccolo (in primo piano c'è il frigo vecchio da incasso)

Cosa pensa mio marito del frigo nuovo?
- Il nuovo frigo ha un volume circa doppio di quello vecchio, ma grazie alla maggiore efficienza energetica consuma in un anno 300 KWh contro 462 KWh: il 35% in meno, cosa che si traduce anche in minori emissioni di anidride carbonica. E' evidente che il progresso tecnologico può dare un notevole contributo alla soluzione dei problemi di approvvigionamento energetico e riscaldamento globale, ma allora perché tanti sedicenti ambientalisti combattono la tecnologia con tutti i mezzi a loro disposizione? -


Ci sono anche un po' di nuovi arrivi appena aggiunti ai Food&Wine Blog, ve li presento:

Di tutto Di PiùDi tutto Di Più ha cambiato indirizzo

Il blog della Fattoria PedroiaIl blog della Fattoria Pedroia

L'ape MaiaL'ape Maia

Non serve sognare...Non serve sognare...

Pasti e PasticciPasti e Pasticci

Santa PolentaSanta Polenta

Un Post a TavolaUn Post a Tavola

Zenzero & CannellaZenzero & Cannella



Search Tags:

2.11.06

Tutto, o quasi, sulle Zucche


La festa "importata" di Halloween è passata ma questo rimane comunque periodo di zucche.
Nel caso vogliate acquistarne una ma le solite ricette vi hanno stancato, oppure gli avanzi di Halloween richiedano di essere smaltiti, ecco qui una serie di idee da tutto il mondo.

Inizio la rassegna con una ricetta banale preparata un po' di sere fa.

Vellutata piccante di Zucca
Zucca Ferrarese
Cipolla
Pimenton piccante (in polvere)
Brodo vegetale
Olio e.v.o

Preparare un brodo vegetale con una cipolla, 2 carote e una costa di sedano... oppure usare un preparato pronto :o)
In un tegame mettere la cipolla tagliata a pezzi e la zucca pulita e tagliata a cubetti.
Lasciare "sudare" le verdure nel tegame coperto su fuoco basso. Aggiungere un po' di olio e rosolare brevemente.
Aggiungere il brodo fino a coprire le verdure e aggiungere il pimenton piccante secondo il proprio gusto.
Lasciare cuicere mentenendo il tegame coperto fino a quando la zucca inizia a disfarsi.
Con il frullatore ad immersione ridurre le verdure in crema, regolare di sale se necessario.
Versare nelle fondine, aggiungere un po' di peperoncino, un po' di olio e poi servire.


Idee raccolte da alcuni Blog italiani:

Biscotti alla zucca rivisti
Biscotti di zucca e zenzero farciti
Cake con zucca, nocciole e cardamomo
Confettura di zucca
Crème brulée di zucca e parmigiano
Crostata con la zucca
Focaccia verde ripiena di zucca
Gnocchi di Zucca con Speck e Noci
Gnocchi di zucca gialla
Gnocchi di zucca papaverini
Marmellata di zucca gialla
Mezze lune di zucca e cannella
Muffin con zucca e semi di zucca con riduzione di Vin brulè
Muffin di zucca e prugne
Panini alla zucca
Quiche con la zucca
Riso e zucca
SPäTZLE DI ZUCCA CON CREMA DI RICOTTA AFFUMICATA
SOUFFLE' DI ZUCCA
Stufato di zucca e ceci
Tagliatelle di zucca
Taglierini verdi con la zucca
Terrina di zucca ai pinoli
Torta di zucca
vellutata di zucca....speziata
Zuppa di zucca con arancio e coriandolo
Zuppa di zucca con chips di pancetta

Pumpkin Pie di Nic
Pumpkin & chestnut strudel with taleggio and sage
A Very Pumpkiny Cheesecake!

Se non bastassero ci sono altre idee in inglese sul sito di Elise.

Search Tags: ,

Recycling: Zucchine + Prosciutto + Formaggio


Dopo la prima settimana di matrimonio nella casa nuova sono già alle prese con i riciclaggi: stiamo messi bene!!!!!!!! :o)
Il "problema" deriva dal fatto che ero abituata a fare acquisti e a cucinare per 4 mangioni: devo tarare un po' le quantità.
Questa quindi è una ricetta dettata dalla necessità: 2 fette di prosciutto cotto che iniziavano ad assumere colori e odori strani, 2 zucchine rimaste dal risotto, del pecorino che abbiamo "trovato" nel nostro frigorifero al ritorno dal viaggio.

Zucchine Ripiene Veloci
2 Zucchine
2 Fette di Prosciutto Cotto
Pecorino
Sale
Olio

Tagliare le zucchine in cilindretti e ognuno di questi a metà. Disporli in un recipiente per microonde e cuocerli per 4-5 minuti: devono essere morbidi.
Scavare la polpa delle zucchine per ottenere delle barchette, salarle leggermente.
Tritare il prosciutto cotto con la polpa delle zucchine. Riempire con il composto le barchette, disporre un pezzetto di formaggio sopra il ripieno e passare le zucchine in forno già caldo fino a far sciogliere il formaggio.



Search Tags: ,