30.3.07

Blogging Friday: Delicious Days

Eccomi qui.
Sono un po' assente dalla cucina del Blog in questi ultimi giorni, purtroppo il mio tempo libero si è ulteriormente ridotto e lo sto impiegando per organizzare delle cene con amici... Il risultato è che non mi rimane tempo di cucinare per me!
Inoltre il mio fisico deve sentire l'effetto di questa strana primavera: sono affetta da pigrizia cronica.
Bhè... dopo questa divagazione torno all'argomento del post: Delicious Days.


Questo è un blog ulra-famoso oltre che bellissimo. Infatti penso che molti foodbloggers abbiano preso ispirazione dall'impostazione si grafica sia testuale di Delicious Days.
Quello che all'inizio mi ha colpito di questo blog sono le foto dai colori brillanti ed estremamente luminose.

Photo by Nicky

Ultimamente il blog ha cambiato look e l'originale intestazione è stata sostituita e riorganizzata: devo ammettere che preferivo la versione precedente; ora l'intestazione occupa troppo spazio per i miei gusti... è troppo massiccia.

Il blog è principalmente dedicato alle ricette. Fino ad ora non ne ho provata nessuna ma solo per una questione di tempo, perchè sono tutte molto invitanti e sempre precedute da una descrizione piacevole da leggere.

Photo by Nicky

C'è poi un altro motivo che mi lega al blog di Nicky (l'autrice di Delicious Days): Monaco!
Nicky infatti vive a Monaco di Baviera che è stata la meta del mio viaggio di nozze. Sul blog sono presenti molte informazioni e link grazie ai quali ci si può documentare sulla citta e sulle cose da vedere/gustare.
Quando io e Paolo abbiamo pensato a questa meta ho letto quello che c'era sul blog e poi ho scritto a Nicky per avere qualche dritta in più. Nicky si è dimostrata di una gentilezza straordinaria e le sue indicazioni ci hanno accompagnato durante tutto il viaggio!

Ora una domanda: come mai il mio rotolo dolce appare così...


mentre invece quello di Nicky è così bello?

Photo by Nicky

Penso di avere ancora molto da imparare sia in cucina sia nel campo della fotografia :o)

 Technorati Tags: , ,

27.3.07

La fine del Rumtopf

L'anno scorso, in questo stesso periodo, guardavo i fiori sugli alberi da frutto ed ero in attesa di iniziare il Rumtopf. L'ho seguito durante tutte le stagioni e a Dicembre, come da tradizione ma un po' prima di Natale, l'ho assaggiato.
E' davvero buono e gradevole, alcolico ma non troppo e molto profumato. E' stato apprezzato anche dagli amici che l'hanno ritenuto una ottima innovazione nel panorama dei soliti cibi che siamo abituati a mangiare.
La "fine" migliore per il Rumtopf è di abbinarlo al gelato... cosa difficile da fotografare però, perché il gelato si scioglie!!!

Rumtopf e gelato
Il Rumtopf è così composto: Fragole, Ciliegie, Albicocche, Prugne, Pesche e Pere.
Ogni volta ho aggiunto: Frutta + Metà del peso della frutta di Zucchero + Stroho + Bacardi Riserva

Technorati Tags: ,

23.3.07

Blogging Friday: Lucullian Delights

Oggi faccio un giro tra i post di Lucullian Delights il blog di Ilva.


Ilva vive vicino a Pistoia e ha un blog scritto in inglese che non ho inserito tra i FoodBlog Italiani.
Perché?
Semplice: perchè Ilva è Svedese!

Photo by Ilva

Nel suo blog, però, molte delle ricette sono ispirate all'ambiente mediterraneo in cui vive e non alla sua patria d'origine. Questo, vista la mia ultima passione, è un male :o) se ci fossero più ricette svedesi mi divertirei a provarle! Potrei però chiederle se mi da qualche lezione... :o)

Photo by Ilva

Ilva, oltre a cucinare, fa delle bellissime foto che sono anche raccolte in un "album".

Photo by Ilva

Technorati Tags: ,

21.3.07

Memoria? No, meglio scrivere!


Un po' di tempo fa il mio papà mi aveva regalato un numero notevole di queste meline.
Sono le mele annurche, varietà antica, che io trovo più buone da consumare cotte.
Decido così di impiegarle in una torta semplice di mele da usare a colazione con l'idea di utilizzare una ricetta nuova e non la solita. Dal libro sulle ricette per dolci trovo un titolo che mi ispira: Torta di mele caramellata.
La ricetta però non mi ispira per niente: troppe uova e metodo di realizzazione che non mi piace. Per cui la modifico togliendo un uovo, aggiungendo latte, meascolando farina bianca e integrale.
Purtroppo non scirvo nulla delle modifiche, conservo tutto nella memoria perché troverò il tempo di scriverla dopo pochi giorni.
Di giorni ne sono passati parecchi e delle modifiche esatte alla ricetta non è rimasto niente nella mia memoria.
Nella memoria del PC è rimasta però la foto:



Buon Inizio di Primavera!!!


Technorati Tags: ,

19.3.07

Scrivi come mangi: Pane Irlandese Verde!

Questa è la versione italiana del post precedente.


Era da parecchio tempo che volevo provare a realizzare una ricetta curiosa: l'Irish Soda Bread (I.S.Bread). Non è un pane a lunga lievitazione e non usa nemmeno il lievito chimico in polvere. Come agente lievitante viene usato solo il Bicarbonato di Sodio, per questo il risultato che si ottiene è quello di un pane molto compatto.
Vista questa premessa l'I.S.Bread era il miglior candidato per partecipare all'evento indetto da Zorra per celebrare, assieme a tutti gli Irlandesi, il giorno di San Patrizio.
Nella testa però avevo un tarlo che girava. Poco tempo fa ho avuto l'occasione di assaggiare un dolce davvero curioso, una crostata col ripieno verde a base di spinaci. Non avevo mai pensato che gli spinaci potessero entrare in un dolce prima di avere visto il Dolce della Garfagnana realizzato dalle Sorelle Simili.


Prendendo spunto da questo dolce e dalla ricetta di Elise, ho pensato di unire la ricetta del pane irlandese con il verde degli spinaci per accogliere al meglio l'invito fatto da Zorra: Cucinate qualcosa di Irlandese o qualcosa di verde!
Sempre meglio abbondare... :o)


Green Irish Soda Bread
640g Farina
40g Zucchero
90g Burro
80g Uvetta
40g Pinoli
125g Spinaci freschi (già puliti e lavati)
240ml Acqua di cottura degli spinaci
50ml Liquore Strega
5g Sale (1 cucchiaino) + 1 pizzico
1 cucchiaino di Bicarbonato di Sodio
1 Uovo


Cuocere gli spinaci aggiungendo 200ml di acqua e un pizzico di sali. Lasciarli scolare e raffreddare in un colapasta raccogliendo l'acqua di cottura.
In una ciotola porre farina, zucchero, sale e bicarbonato; mescolarli bene con una frusta. Aggiungere poi l'uvetta e i pinoli.
Riscaldare il forno a 180°C.

In un bicchiere capiente di vetro (o nella ciotola del robot da cucina) mettere gli spinaci, l'uovo, il burro fuso e fatto raffreddare, l'acqua di cottura degli spinaci e il liquore. Frullare con un mixer ad immersione.

Fare la fontana nel centro del mix di farina, versare gli ingredienti liquidi e mescolare con un cucchiaio di legno. Quando il liquido è stato assorbito lavorare brevemente la pasta con le mani infarinate per ottenere una palla.

Trasferire la pasta su una teglia foderata di cartaforno. Con un coltello praticare una incisione a forma di "X" sul pane e porre in forno.
Cuocere fino a quando il pane appare dortato, circa 30-40 minuti.


St. Pat's Day: Green or Irish

17.3.07

St. Pat's Day: Green Irish Soda Bread

St. Pat's Day: Green or Irish
To celebrate Saint patrik's Day together with Zorra and other FoodBlogger I've decided to mix the two suggestions that Zorra wrote in the "Invite to partecipate": Cook/bake somthing green or Irish.
I've taken the recipe of Irish Soda bread published a few days ago by Elise and I've added something green! :o)


Green Irish Soda Bread
640g Flour
40g Sugar
90g Butter
80g Raisins
40g Pine Nuts
125g fresh Spinach (already cleaned and washed)
240ml spinach cooking water
50ml Liquor (I used Strega... it cuold be sobstitute with Rhum)
5g Salt (1 tsp) + 1 pinch
1 tsp Baking Soda
1 Egg


Cook spinach adding 200ml of water and a pinch of salt. Put the spinach in a colander to drain, preserve the cooking water and let cool.

In a large mixing bowl shift together flour, sugar, salt and backing soda and mix well with a whisk. Then add raisins and pine nuts.

Pre-heat oven to 180°C.

In a measuring glass put together the spinach, the egg, the melted butter, the spinach cooking water and the liquor. Using an immertion blender mix the ingredients until the spinach dissolve.

Make a well in the center of the flour mixture. Add the liquid ingredients and mix with a wooden spoon. Dust hands with flour, then knead dough in the bowl just long enough to form a ball. Do not overknead.
Transfer dough to a baking sheet covered with parchment paper. Using a knife, score top of dough in an "X" shape.

Transfer to oven. Bake until bread is golden brown, about 35-40 minutes.



16.3.07

Blogging Friday: Minicaretti


Non ho idea di come ho fatto ad arrivare su questo blog la prima volta, so solo che è diventato impossibile non dargli una sbirciatina ogni tanto.
Non è un blog di ricette, di recensioni o altro che riguardi la cucina... ma comunque si parla di cibo anche se è solo cibo per gli occhi.
Milo l'autrice del blog e anche degli splendidi mini - manicaretti che si possono ammirare nei suoi post. Ignoro completamente la tecnica utilizzata ma penso che io non ce la farei mai!

Come realizzare ad esempio questi biscotti? Sembrano prodotti da mini-folletti.

photo by milo


E questa pizza dal diametro di 2.5 cm.?

photo by milo


Le foto delle sue realizzazioni di possono guardare anche su flickr

Technorati Tags: ,

15.3.07

Uova in Cocotte Speziate


Un modo simpatico e che non avevo mai provato prima per mangiare le uova. A dire il vero è stata anche la scusa per usare i miei nuovi ramequin Emile Henry Blu! :o)
Il difficile è trovare il tempo di cottura giusto per le uova: io ho esagerato e il tuorlo era completamente cotto, lo avrei preferito cremoso.

Uova in Cocotte Speziate
4 Uova
2 Zucchine grandi
1 pezzetto di Zucca
1 Cipolla piccola
2 Carote
1 Cucchiaino di Curry Piccante
Sale, Pepe, Olio

In un tegame mettere un po' di olio e la cipolla tritata finemente, porre sul fuoco e fare scaldare lentamente.
Quando l'olio è caldo e la cipolla inizia a soffriggere aggiungere il curry, scioglierlo nell'olio e alzare la fiamma per farlo scaldare bene.
Aggiungere le zucchine (una parte grattugiata e una a rondelle), le carote grattugiate e la zucca a cubetti.
Aggiungere il sale, rimescolare, abbassare la fiamma e fare stufare a tegame coperto.
Se si genera troppo liquido di cottura scoprire il tegame. Lasciare cuocere fino a quando le verdure sono morbide ma non sfatte.
Porre in forno una teglia contenente un po' di acqua e scaldare a 170°C.
Prendere i ramequin, riempirli per metà con le verdure, disporre sul bordo le zucchine a rondelle. Sgusciare un uovo sopra le verdure e richiudere i "petali" di zucchine sull'uovo stesso. Aggiungere un po' di sale sull'uovo e, se piace, un po' di pepe.
Porre i ramequin in forno e cuocere 20 minuti circa.



Technorati Tags: ,

12.3.07

Buy & Try: Pane Bianco


Come ho già confessato in passato io sono una vittima-appassionata del TrashFood.
Considero "trash" tutti i cibi che in teoria bisognerebbe evitare di mangiare: i panini di Mc Donald's, le pastine e i biscotti del Mulino Bianco, i cibi precotti e congelati, i preparati misteriosi che si trasformano in zupppa o pasta.
Probabilmente questa mia passione è una eredità di famiglia aggravata dalla mia curiosità congenita che mi porta a sperimentare tutto quello di nuovo che posso trovare in commercio.
I preparati già miscelati per pane sono uno dei miei "bersagli" preferiti. In passato ne avevo già provato uno con risultati un po' deludenti, quello che invece ho provato ora ha dato risultati ottimi!
Ho acquistato il preparato per Pane Bianco della Spadoni che contiene, oltre alla farina, anche due bustine di lievito. Su un lato della confezione sono presenti due ricette che, usando mezzo Kg di farina ognuna, permettono di usare tutta la farina della confezione per realizzare Pane Bianco e Pan Brioche.


Quello ritratto nella foto in alto è il Pane Bianco che ho realizzato seguendo fedelmente la ricetta. Ho ottenuto un pane molto morbido, che rimane soffice per alcuni giorni ed è molto più buono di alcuni tipi di pane che trovo in commercio!

 Technorati Tags: , ,

9.3.07

Blogging Friday: Amuses bouche

Personalmente trovo molto scomode le lunghe liste di blog preferiti che si possono mettere nelle colonne laterarli del proprio blog, infatti la mia qui a destra è molto minimal e contiene solo blog stranieri visto che per quelli italiani ho la lista riservata. Questo non vuol dire però che io non abbia dei blog che guardo abitualmente.
Vorrei dedicare il post del venerdì ai blog che ritengo interessanti.

Questa settimana è il turno di Amuses bouche: un blog ad alto tasso glicemico.

E' un classico blog di ricette... ma che RICETTE !!!
Le foto sono sempre molto invitanti e la descrizione delle istruzioni per realizzarle è sempre corredata da molte foto che spiegano visualmente i vari passaggi.
Inoltre, per molti piatti, è disponibile per il download un file word con il testo della ricetta pronto per la stampa.

Una delle mie preparazioni preferite è il "Cheese cake aux poires caramelisées et pain d'épices" che è già nella lista delle cose da provare.

Photo by http://amusesbouche.canalblog.com/


 Technorati Tags: , ,

7.3.07

Crumble di Riso alla Zucca



Mi era rimasta un bel po' di zucca dopo la ricetta dei Muffin e così ho pensato di preparare un crumble salato.

Quando ho parlato di questa idea con mia mamma lei ha storto il naso: è scettica su tutti i piatti che non hanno il nome confortante dei piatti della tradizione!
Il crumble però non è altro che una torta salata sotto-sopra realizzata con una brisée sbriciolata :)
Il crumble, in questo caso specifico, l'ho realizzato con la farina di riso. Qualcuno mi sa dire se si può considerare una realizzazione gluten-free?


Crumble di Riso alla Zucca


500g Zucca
150g Farina di Riso
50g Burro Salato
50g Pancetta Affumicata
1 Piccola Cipolla
5 Foglie di Salvia
Sale

Tagliare la zucca in piccoli cubetti. Rritare finemente cipolla e salvia, mescolarle ai cubetti di zucca, aggiungere un po' di sale e suddividere il composto in teglie da forno monodose o in una teglia unica.
Cuocere in forno a 170°C per 20 minuti: la zucca deve essere morbida.
Tritare grossolanamente la pancetta.
Ridurre in poltiglia la zucca utilizzando una forchetta.
Preparare il composto sbriciolato amalgamado il burro morbido alla farina e aggiungere un pizzico di sale.
Disporre la pancetta sulla zucca e ricoprire il tutto con il composto sbriciolato.
Cuocere a 170°C per altri 20 minuti circa o fino a quando la superficie delle briciole inizia a colorarsi.


 Technorati Tags: , ,

5.3.07

FoodBloggers e BlogEvent

Tra i FoodBlogger italiani che trattano (anche) di ricette ha avuto grande successo la proposta lanciata da Cannella de La Zuccheriera che aveva come titolo" SUPER MEME IL MUFFIN DELLA TUA VITA".
Più che di un meme direi che si è trattato di un One Off Event, come lo chiamano gli anglosassoni, cioè di un appuntamento unico dedicato ai FoodBloggers che si devono esprimere su un determinato tema.
I One Off Event si differenziano invece con altri appuntamenti che, seppur con temi diversi, si ripetono ogni mese. Il numero di partecipanti ad ogni appuntamento con i vari eventi è molto alto e ospitare sul proprio blog ogni mese lo stesso evento può essere molto impegnativo. Per questo motivo i food bloggers si alternano nell'ospitare, a turno, i vari eventi candidandosi peresso gli ideatori.
Anche seguire tra i vari blog gli eventi è complicato ma il compito è semplificato sal sito "Is My Blog Bunring?" che raccoglie gli annunci relativi ad eventi, un comodo calendario che riassume gli eventi del mese in corso e anche la possibilità di iscriversi ad una newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

Trovo che partecipare a questi eventi sia divertente con il pregio di riuscire ad abbattere tutte le frontiere mettendosi in contatto con tutto il mondo.

Il prossimo evento a cui cercherò di partecipare è un One Off Event ideato e ospitato da Zorra
St. Pat's Day: Green or Irish

Le regole dettagliatesono un questo post e si tratta di proporre un piatto verde o un piatto della tradizione Irlandese in onore della festa nazionale che si celebra in Irlanda il 17 Marzo: Il giorno di San Patrizio.