1.12.18

Strudel al papavero, seconda versione

Strudel al papavero

I dolci coi semi di papavero mi piacciono e in passato ne avevo già provata un'altra versione tratta da uno speciale di Sale&Pepe.
Questa ricetta invece è tratta da "Strudel e dolci particolari" di Annliese Kompatscher e Angelika Ilies: è un libretto piccolo per dimensioni ma ricchissimo di ricette valide.

Purtroppo non possiedo l'attrezzo per macinare il papavero, avrebbe davvero un uso moooolto raro, per cui il ripieno non è cremoso come dovrebbe essere ma lievemente granuloso.


Strudel al Papavero
da "Strudel e dolci particolari" di Annliese Kompatscher e Angelika Ilies
Per la pasta:

500g Farina
90g Burro
50g Zucchero semolato
25g Lievito di Birra fresco oppure 1 bustina di lievito disidratato
2 Tuorli
1 Uovo Intero
sale
1 tuorlo sbattuto con 2 cucchiai di latte per spennellare

Per il ripieno:

200ml Latte
240g Semi di papavero (se possibile macinati)
100g Zucchero semolato
Scorza di limone grattigiata
Cannella in polvere
2 cucchiai di Miele

Mescolare (sabbiare) la farina con il burro freddo tagliato a dadini. Unire il lievito, i tuorli, l'uovo intero, lo zucchero un pizzico di sale. Iniziare ad impastare e aggiungere del latte per ottenere un impasto morbido che si stacchi dalle pareti della ciotola. coprire la ciotola con pellicola e lasciare lievitare fin quasi al raddoppio.
Nel frattempo scaldare tutti gli ingredienti del ripieno, tranne il miele. portare ad ebollizione, togliere dal fuoco e aggiungere anche il miele.
Sul tagliere infarinato spianare l'impasto fino ad uno spessore di 1cm, spalmare la pasta con l'impasto di papavero. Arrotolare e sistemare il rotolo su una teglia coperta di carta forno. Coprire bene (io chiudo la teglia in un grande sacchetto di plastica, poi lasciare lievitare ancora per 20-30 minuti.
Preriscaldare il forno a 175°C. Spennellare il rotolo con il tuorlo sbattuto, infornare e cuocere per 35-40 minuti

1 comment:

  1. Bella ricetta! E soprattutto vedo con piacere che ogni tanto scrivi ancora 😍 menomale!

    ReplyDelete