30.4.10

Giocando con gli Anelli

Calamarata con Calamari e Carciofi

Di solito i periodi di intensa attività si concentrano a Maggio-Giugno e Settembre. Quest'anno, probabilmente a causa di una congiuntura astrale negativa o del buon vecchio caro Murphy, sono 15 giorni che non ho un istante libero e anche le ore di sonno hanno subito una drastica riduzione. Per fortuna ho dedicato il tempo a cose che mi piacciono, per cui la situazione non è completamente negativa.
Il blog e la cucina però sono finiti in fondo a tutte le priorità, sono stata in cucina solo il tempo per cuocere 2 uova al tegamino, o aprire una scatoletta di tonno, oppure lavare un po' di insalata: per fortuna mio marito vede il cibo come puro mezzo di sopravvivenza e mi posso prendere la libertà di non cucinare, se non ho tempo.

Questo primo piatto lo estraggo dell'archivio. L'ho preparato qualche settimana fa per provare un formato di pasta per me nuovo. Fino a poco tempo fa nella grande distribuzione era possibile trovare solo i formati di pasta standard, nessuna divagazione verso le tipicità regionali.
Ora però, aumentando la richiesta, sta aumentando anche l'offerta e oltre ad anelletti e fregola, ho messo finalmente le mani su una confezione di Calamarata. L'ho trovato un formato di pasta davvero simpatico: non si rompe in cottura come i paccheri e rimane in forma presentandosi bene nel piatto.
Inevitabile, come prima prova l'abbinamento con i calamari ai quali ho aggiunto i carciofi. Le dosi sono tutte un po' ad occhio.

Calamarata con Calamari e Carciofi
x 5-6 persone

500g di Pasta formato Calamarata
Calamari, 2 a testa se sono piccolini
4 carciofi
1 Scalogno
1 cucchiaio di Concentrato di Pomodoro
Sale, Olio

Pulire i calamari tagliando la sacca ad anelli e lasciando intero il ciuffo.
Sfogliare i carciofi conservando solo il cuore tenero e metterli a bagno in una ciotola d'acqua con succo di limone per non farli ossidare.
Mentre si prepara il condimento portare ad ebollizione l'acqua e cuocere la pasta (i tempi di cottura sono elevati).
Tritare finemente lo scalogno e farlo appassire in una padella con un po' di olio.
Tagliare i carciofi a fettine sottili, eliminando eventualmente la barba che potrebbe trovarsi all'interno del cuore. Unire i carciofi allo scalogno e farli rosolare.
Quando i carciofi iniziano ad ammorbidirsi unire i calamari. Non appena cambiano colore aggingere una punta di concentrato, solo per dare un lieve colore rosato.
Non appena i calamari sono morbidi spegnere il fuoco.
Quando la pasta è quasi cotta scolarla, conservando l'acqua di cottura. Unire la pasta al condimento e terminare la cottura a fiamma alta, unendo acqua di cottura se il sugo si asciuga troppo.

10 comments:

  1. Fantastico questo formato di pasta. Ricordo di averlo visto quando ero bambina, ma poi non più. E al mio supermercato - almeno finora - non esiste. Forse arriverà anche lì.

    ReplyDelete
  2. Spero al tempesta si plachi presto!sapessi quante volte ce l'ho mandato Murphy....;)Ottima la pasta!

    ReplyDelete
  3. Buonissima questa calamarata! pesce e verdure son gli ingredienti che ci vediamo meglio per condire questa pasta!
    baci baci

    ReplyDelete
  4. È un formato di pasta che finora ho sempre solo ammirato in foto e devo dire che mi sta molto simpatico. Qui in Germania siamo ancora a penne, rigatoni, fusilli, spaghetti e linguine. Tutto il resto è esoticissimo. Ma quando torno in Italia in macchina faccio il pieno di pasta.
    Mi piace molto l'accostamento carciofi e calamari.
    Buon WE
    A-

    ReplyDelete
  5. bellissimo il gioco di parole e di forme!devo provarlo al più presto :D

    ReplyDelete
  6. Adoro questo formato di pasta e l'abbinamento col pesce.
    Ciao

    Enrico

    ReplyDelete
  7. Quindi questa è anche una pasta divertente,no?! ahahaha
    :-)
    PS sono passata su un nuovo blog "http://kitchenetteconfidential.blogspot.com", ma sono sempre Castagna...passa a trovarmi, mi farebbe MOLTO piacere
    Ciao!

    ReplyDelete
  8. La Calamarata è davvero divertente, Castagna!
    Io l'ho vista la prima volta in un ipermercato Coop, nel settore di alimenti Gourmet, ma non mi sono annotata la marca. Poi ne ho acquistato un pacco proprio a marchio Coop, ma questo è ancora da provare.
    Questo stesso formato l'ho regalato a mia suocera per farglielo provare con un condimento che è il suo cavallo di battaglia: cozze, gamberi e fiori di zucca. Una delizia!!!

    ReplyDelete
  9. Anonymous6/5/10 22:54

    ciao Simo, devo farti avere una confezione Setaro della calamarata?
    OT: hai notizie di Mucca?

    peppe/trento

    ReplyDelete
  10. @Peppe... ciao! Grazie per l'offerta ma mi accontenterò della calamarata che riesco a trovare qui. Già adesso è un lusso: quando ero piccola, in commercio, esisteva praticamente solo la pasta Corticella!!!
    Mucca l'ho visto a metà Marzo era in formissima!!!

    ReplyDelete