26.11.09

Un giro a Savigno

Domenica, invece di una gita, avrei preferito una martellata su un dito: ero stanca e tutto era grigio ed umido fuori dalla finestra. Poi ho operato una grande azione di autoconvincimento ed assieme a Tosca siamo partiti: direzione Savigno e la festa del tartufo.


Erano anni che volevo andare e sono stata premiata: la giornata è stata piacevolissima. Non era freddo e splendeva anche il sole. C'erano tanti banchetti di specialità gastronomiche e di oggetti antichi/vecchi.
Essendo partita all'ultimo minuto non ho potuto pranzare da Amerigo: un'ottima scusa per tornarci a breve, con Tosca e magari qualche amico!

savigno insegna
... le insegne dei negozi ...

savigno prodotti
... prodotti ...

savigno: le padelle per i borlenghi
... la batteria di padelle in ferro per i borlenghi ...

savigno funghi e formaggi di capra
... funghi e formaggi di capra...

savigno pane
... un lontano parente della pita...

savigno tartufo
... e sua maestà il tartufo bianco!

15.11.09

Riso all'acqua di Nepeta

Risotto all'acqua di Nepeta
Un post in velocità, perhé questa non è una vera e propria ricetta, ma è una piccola "scoperta" che ho fatto e sperimentato di recente. Come si dice: meglio tardi che mai!

Si tratta semplicemente della cottura del risotto, non con il solito brodo vegetale, ma solo con l'acqua. Il risultato finale è eccellente perché il sapore è dato dalla base del risotto.
In questo risotto a farla da padroni ci sono i funghi porcini secchi e la nepitella, su una base di zucca e cipolla (poca).
Risotto all'acqua di Nepeta
In breve...

Risotto con Zucca, Funghi Porcini secchi e acqua di Nepeta
Fare una base con poca cipolla e olio. Rosolarvi la zucca e aggiungere i funghi ammollati e tritati.
Aggiungere un bicchiere di acqua filtrata dei funghi e portare la zucca a metà cottura.
In un altro tegamino portare ad ebollizione l'acqua, unirvi la punta di un cucchiaino di foglie di nepitella secchhe, poiché il sapore è molto forte.
Versare il riso sulla base di zucca, tostare brevemente e aggiungere l'acqua filtrata fino a coprire il riso e portare a cottura mescolando solo verso la fine.



5.11.09

Un mese fa...

tournot
ATTENZIONE: post altamente fotografico!
Non tanto per la bellezza delle foto (la piccola fotografa che è in me era in vacanza) ma per mantenermi un ricordo.
Ho anche il tempo per pubblicare il PDF con la lista per lo shopping a Parigi (n.b.: è di 1035 kb) che mi ero fatta non potendomi portare a passeggio la mappa di google. Spero di non ledere nessun diritto: se scomparirà improvvisamente saprete il perchè :o)
Ho aggiunto due indirizzi che mi sento di raccomandare per pranzo o cena:

Le Petit Carreaux
17 rue des Petits Carreaux
Brasserie frequentata anche da parigini, si trova praticamente di fronte ad una delle sedi della boulangerie Kaiser, all'inizio di una strada meravigliosa per il suo mercato permanente.

L’Assiette Aveyronnaise
14 rue Coquillère
Brasserie con piatti tipici dell'Aveyron... roquefort, coltelli Laguiole per tagliare e spalmare e l'aligot: un piatto a base di patate e formaggio fuso che viene servito in tavola direttamente dalla pentola di rame in cui viene mantecato. Altro lato positivo: è a 2 passi da Dehillerin!



ponte

poinsettia

casette

maniglia

barche

place

lapin

mulino

galerie

falafel

laduree

bull

citroen

assiette

tour

1.11.09

Fusion Halloween

Biscotti Sardi per Halloween
Quest'anno è arrivato Halloween anche a casa mia. Non come festa vera e propria, ma come occasione in cui sfruttare gli splendidi taglia biscotti che mio fratello mi ha portato in dono dal suo viaggio a NY.

Sono troppo belli per non usarli in modo appropriato.
Ma se gli stampi e la festa sono importati dall'America, la ricetta è italiana: sarda per l'esattezza. L'ho trovata nella casa della regina dei biscotti: mi ha incuriosito l'uso dello strutto. Devo dire che fornisce una fragranza mai provata prima.
Biscotti Sardi per Halloween

Biscotti Sardi per Halloween
Adattamento dellaricetta originale di Ylenia tratta dal blog I dolci di Pinella

1 kg di farina + quella necessaria per stenderei biscotti
2 bustine di lievito
400 gr di zucchero
350 gr di strutto
5 uova grandi
1/2 cucchiaino di cannella
2 cucchiai di liquore Strega
2 bustine di vanillina

In una ciotola lavorare le uova con lo zucchero senza montarle. Aggiungere lo strutto morbido, cannella, vanillina e liquore; infine la farina. Impastare brevemente: la pasta risulterà lievemente appiccicosa.
Stendere la pasta ad uno spessore di 4-5mm su un piano bene infarinato. Ritagliare le le forme desiderate e cuocere in forno a 170°C circa per pochi minuti: i biscotti sono pronti non appena il bordo inizia ad essere dorato.
La decorazione è opzionale ed è realizzata con glassa reale (1 albume, 250g scarsi di zucchero a velo, qualche goccia di succo di limone) colorata con coloranti alimentari e cacao.


Biscotti Sardi per Halloween

Vizualizza versione stampabile...