24.1.09

Mi son distratta un attimo...

Pallottine alla Crema
... e il carnevale è già arrivato! Avevo fatto tanti buoni propositi per questo inizio d'anno: volevo aggiornare la lista del FoodBlog Italiani, volevo pubblicare una ricetta di biscotti fatta un sacco di tempo fa, volevo mettere anche qui qualche ricordo della vacanza in montagna e non solo su Flickr. Il tutto prima di Carnevale.

Ma non ho fatto in tempo. Probabilmente pubblicherò le foto di Natale a Luglio come fanno le TV che con il caldo torrido ci propinano sempre sit-commedy ambientate a Natale. Mi sono sempre chiesta perchè, ma non l'ho mai capito!

Pallottine alla Crema

Bhé... torniamo al Carnevale, periodo di scherzi e di fritture. Io a casa non friggo spesso, ma a carnevale non si può proprio fare a meno di fare un dolce fitto, anche solo uno!
Quest'anno ho abbandonato le ricette classiche e mi sono lasciata tentare da queste pallottine pubblicate da Sandra.

Pallottine alla Crema

Sono squisite con il loro centro che rimane morbido... una tira l'altra!


Pallottine Fritte alla Crema
Pasta da bigné

125g Latte
125g Acqua
125g Burro a pezzetti
4g circa di Sale
140g Farina
4 Uova

Crema pasticcera

500ml Latte
4 rossi d'Uovo
60g Maizena
100g Zucchero a velo
1 stecca di Vaniglia

Olio di Arachidi per friggere
Zucchero semolato e Cannella per ricoprire


Preparare la pasta per bigné
Versare il latte, l'acqua e il burro a pezzetti in una casseruola e portare all'ebollizione affiché il burro fonda. Fuori dal fuoco aggiungere la farina tutta in una volta e mescolare rapidamente con un cucchiaio di legno per amalgamare completamente gli ingredienti.
Rimettere sul fuoco e mescolare continuamente per fare asciugare la pasta: si deve ottenere una palla che si stacca dalle pareti.
Versare la pasta in una ciotola. Aggiungere le prime 3 uova una alla volta, mescolando velocemente per incorporare bene ed evitare una frittata.
In una ciotolina sbattere con una forchetta l'ultimo uovo e aggiungerlo poco alla volta fino a quando la pasta ha la consistenza giusta: sollevando una parte di pasta col cucchiaio deve essere liscia e ricadere dal cucchiaio come un pesante nastro.
(Questa ricetta produce circa 700g di pasta. Per la ricetta ne serviranno solo 400g, con l'avanzo preparare dei bigné da farcire poi con la crema pasticcera)

Pallottine alla Crema

Preparazione della crema
In una casseruola dal fondo pesante fare bollire il latte con la stecca di vaniglia tagliata a metà.
In un'altra casseruola mescolare i tuorli d'uovo con lo zucchero e la maizena. Aggiungere lentamente il latte bollente (avendo messo da parte la stecca di vaniglia) mescolando con cura per evitare grumi. Porre la casseruola sul fuoco e portare ad ebollizione mescolando continuamente. Coprire la superficie della crema con pellicola trasparente per evitare la formazione di uno strato duro e lasciare raffreddare. (La crema pasticcera può essere preparata anche 24 ore prima)

Preparazione delle pallottine

In un tegame largo mettere a scaldare l'olio.
In una ciotola amalgamare 400g di pasta per bigné con 125g di crema pasticcera.
Con l'aiuto di 2 cucchiaini oppure con la sac à poche fare delle porzioni regolari di pasta e tuffarle nell'olio bollente. Friggerli fino a quando assumono una bella doratura.
Scolare le palline su carta assorbente e rotolarle nello zucchero semolato (se piace si può mescolare un po' di cannella)



Vizualizza versione stampabile...


Con questo post partecipo alle raccolta di ricette di Carolina dove si possono trovare tante altre idee per il carnevale.


20 comments:

  1. Porcapaletta che buone!!!
    A me il carnevale è sempre stato un po' sui cosiddetti...boh, mi mette sempre un po' di tristezza...e i suoi dolci pure.
    Forse perchè, proprio perchè -nella maggior parte- fritti, hanno maggiormente bisogno di essere eseguiti a regola d'arte.
    Bè, le tue foto trasudano proprio questo...e ciò detto, ho finito la sviolinata.

    ReplyDelete
  2. ma che belle che sono!
    mi va proprio di farle.
    Bravissima Lamu' ^_^

    ReplyDelete
  3. Ecco, del Carnevale credo di amare giusto i fritti! Ricordo le frappe che faceva la nostra portiera e che offriva a tutti i bimbi del palazzo che passavano. Erano friabilissime e non sono mai riuscita a farle così.
    E palline simili a queste le compravamo in pasticceria, ma non ne ricordo il nome. Avevano un leggero sapore di rum.
    Bella la presentazione nel cono di carta :-)
    Baci
    Alex

    ReplyDelete
  4. A me il Carnevale non piace ma, chiacchiere e frittelle come le tue...adoroooooooooooooo!!!ùSei troppo brava!!!!

    ReplyDelete
  5. Mamma mia che pallottole golose! Effetto ciliege assicurato!
    Un bacio
    fra

    ReplyDelete
  6. mamma mia che buone che devono essere....mi viene voglia di farle anche a me;) complimenti Marta

    ReplyDelete
  7. Orpo...e'gia'carnevale? Ehm... mi sa che devo rispolverare i buoni propositi pure io, o pubblichero' le frappe a ferragosto!

    ReplyDelete
  8. @Virginia... il carnevale ha in effetti l'aspetto malinconico di un clown o di Pierrot: è per questo che servono i dolci fritti, per tirarsi su!

    @Cinzia... grazie!!! un onore detto da te chefai tante cose bellissime.

    @Alex... da me le frappe sono le sfrappole, purtroppo anche la mia ricetta non da un risultato così friabile come quella che ricordi.

    @Saretta... anche a te non piace il carnevale!?! tre su tre! A me invece è sempre piaciuto giocare conil mio aspetto, per un giornoapparire completamente diversa. Per stupire, per scherzare, per ridere di me.

    @Fra... purtroppo spariscono in un attimo!

    @Marta... i blog servono apposta per tentare con ricette ammiccanti ;o)

    @Azabel... prima delle tue frappe però va il mio post sul Natale! ;o)

    ReplyDelete
  9. Come sono goduriose queste palline, tanto piu' che le hai messe nel "cuoppo" dove qui a Napoli infilano tutte le golosita' piu' peccaminosamente fritte fritte, ma leggereeeee!!! :))

    ReplyDelete
  10. un gran bel carnevale con questo tortelli, comlimenti sia per i tortelli che per le foto

    ReplyDelete
  11. @Alex: quelle che ricordi tu sono le castagnole, o al massimo i bignè di S.Giuseppe.

    Simona, ma allora mi sorge spontanea una domanda: ma quando finisce Carnevale? Giusto per sapere se sono in tempo a fare qualcosa anch'io. Belline queste palline di crema di Sandra, che bontà :-P

    ReplyDelete
  12. Grazie per aver partecipato alla mia raccolta! Bellissime foto!
    A presto.

    ReplyDelete
  13. @Ciboulette... grazie per la lezione di dialetto, ora so una parola nuova!

    @Gunther... il carnevale è effettivamente iniziato mooolto bene!

    @FrancescaV... in realtà sei in tempo: il carnevale finisce con il 24 febbraio che è Martedì grasso. Io col tempo che mi scappa sempre via mi sono messa avanti, però spero di riuscire a friggere un'altra volta.

    @Carolina... grazie a te per l'iniziativa.

    ReplyDelete
  14. fantastiche! dalle foto ciene veramente voglia di mangiarne una dopo l'altra!!!
    quasi quasi quest'anno propvo anche io a fare un dolcetto di carnevale!! :)
    un bacioneee

    ReplyDelete
  15. @Viviana... sì lasciati tentare: fritto è buono tutto,ma una cosa già buona diventa super!!!

    ReplyDelete
  16. che meraviglia...peccato avere il TERRORE del fritto....

    ReplyDelete
  17. @Valina... Terrore? Se è per gli effetti sulla linea :o) fai bene. Se invece è perchè hai paura che il fritto non venga perfetto allora provale subito!!! Sbagliando s'impara!

    ReplyDelete
  18. come mi piacciono i dolci fritti belle queste palline un abbraccio

    ReplyDelete
  19. @Carmen... non dirlo a me!

    ReplyDelete
  20. ma sono fantastiche!!! complimenti

    ReplyDelete