29.12.08

Appunti sul Natale 2008

Dolce Quartiere

Per ovvi motivi non potevo scrivere questo post prima di Natale: questo quartiere di casette di panpepato è stato il regalino che ho fatto agli amici!

Le casette hanno riscosso un grande successo soprattutto nei bambini: i colori, i profumi, il richiamo alla casetta di Hansel e Gretel, il desiderio di demolizione per poter assaggiare le caramelle... un mix esplosivo che ha dato alle casette solo poche ore di vita!!! :o)

Per costruirle bastano:
- pasta per biscotti di panpepato
- caramelle colorate
- glassa
- coni gelato di cialda
- modello della casetta

Il procedimento è semplice: si stende la pasa ad uno spessore di 4 mm circa. Si ritagliano le forme delle pareti e del tetto e si dispongono su teglie da forno. Si fanno cuocere senza farle scurire troppo.
Una volta fredde si saldano con la glassa e si decorano con le caramelle.

Questo è un video su come costruire le casette e sul sito di Martha Stewart ho trovato il pattern da usare come modello.

Per il panpepato ho utilizzato la ricetta di Alda Muratore, una vera star del forum de La Cucina Italiana


Ricetta per il Panpepato


200 g burro
500 g miele (possibilmente aromatico, non industriale)
250 g zucchero
almeno 3 cucchiaini di spezie in polvere (cannella, chiodi di garofano , anice, (poca) noce moscata)
1 bustina di lievito per dolci
15 g cacao
1200 g di farina
2 uova

Mettere in un pentolino il cacao e lo zucchero setacciati insieme; il miele, gli aromi e il burro a pezzetti ; fare fondere insieme a fuoco basso, amalgamare e far raffreddare a temperatura ambiente (non deve indurire).
Mescolare la farina e il lievito in una terrina capace, fare il pozzo nel centro, battere leggermente le due uova, metterle nel pozzo, mescolarle con un po’ di farina e aggiungere il composto di miele tutto in una volta; con il cucchiaio di legno o le fruste a gancio amalgamarlo con la farina, poi continuare ad impastare con le mani o nel robot da cucina. Quando la pasta è ben liscia, metterla in una terrina, coprire con pellicola trasparente e fare riposare una notte o mezza giornata, al fresco.
Stendere la pasta ad uno spessore di 4 mm, ritagliare le forme.
Cuocere sulla placca del forno, foderata di carta forno, a 170°C per un quarto d'ora circa: non devono brunire sui bordi, resterebbero eternamente duri e amari.


Dolce Quartiere

Royal Icing


3 Chiare d'uovo
3 Cucchiai di succo di Limone
300-400g Zucchero a velo

Sbattere i bianchi d'uovo con il succo di limone senza montarli eccessivamente.
Aggiungere lo zucchero a velo continuando a montare fino ad ottenere una glassa di buona consistenza: non deve colare.

9 comments:

  1. Ma che brava! Le casette sono perfette!Anch'io mi sono cimentata,ma niente a che vedere con la perfezione delle tue..

    ReplyDelete
  2. Sono meravigliose...deve essere stato un regalo davvero gradito! Queste di sicuro me le segno per il prossimo anno!
    Un bacione
    Fra

    ReplyDelete
  3. Sono stupende, che bel regalo!

    ReplyDelete
  4. Chapeau: sembrano magiche ....
    mi piacerebbe tanto riceverle in regalo, perchè so già che preparandole io, non otterrei buoni risultati ...
    Buon 2009

    ReplyDelete
  5. un condominio delizioso, bravissima! Con l'occasione ti faccio tanti auguri per il nuovo anno che viene. Ciao!

    FrancescaV

    ReplyDelete
  6. Auguri anche a voi per il nuovo anno!
    Queste casette oltre che buone da mangiare sono anche degli ottimi profumatori per ambienti: cannella, chiodi di garofani,zucchero, frutta e menta... ;o)

    ReplyDelete
  7. Solo oggi vedo queste casette e loro sicuramente non ci saranno più...sigh! Bellissime, i miei complimenti, e te li fa una persona che di casette ne ha fatte tante.Qualche anno fa le facevo su ordinazione, e andavano a ruba, come torte di compleanno, erano sempre un successo! Auguri per tante cose belle.

    ReplyDelete
  8. @Natalia... La mia casetta è ancora in piedi, mi piace troppo per mangiarla. I tuoi complimenti mi fanno gongolare un sacco! grazie!

    ReplyDelete
  9. sono venute bellissime le casette, meno male che non eri ispirata! :-)
    brava simo!

    ReplyDelete