4.5.06

Torta Mantovana


Non so perchè si chiami così visto che la torta più tipica di Mantova è la Sbrisolona ma anche Pellegrino Artusi la riporta con questo nome.
La ricetta che ho provato mi è stata data dalla Gianna che, nella zona, viene riconosciuta come una vera autorità in fatto di torta mantovana.
Gli ingredienti della ricetta sono quelli classici delle torte e il procedimento è semplicissimo ma ottenere una buona mantovana è difficilissimo, se si sbaglia qualcosa si ottiene una banale ciambella invece di una torta friabile e irresistibile.

Torta mantovana

180g Farina
180g Zuccheo
150g Burro
4 Rossi d'uovo
1 Uovo Intero
1 Cucchiaino raso di lievito
1 Cucchiaio di zucchero vanigliato
Buccia di 1 limone grattugiata
50g Mandorle tritate gossolanamente
Zucchero a velo per guarnire


Mescolare tutte le polveri poi amalgamare prima le uova e poi il burro fuso e tiepido. Imburrare e infarinare una tortiera e versarvi il composto che deve essere alto al massimo due dita. Spargere le mandorle sulla torta.
Scaldare il forno a 200°C inserire la tortiera, abbassare il forno a 150°C e cuocere per 40 minuti.
Quando la torta è fredda ricoprire con zucchero a velo e servire.

Nota: La torta mantovana deve cuocere a calore moderato e non "biscottare" altrimenti risulta troppo secca. Segiuendo le indicazioni della ricetta la torta è risultata un po' troppo cotta, la prossima volta terrò più bassa la temperatura del forno.

2 comments:

  1. Clarimonda18/10/09 17:33

    Le leggende sul nome di questa torta sono varie: chi dice che fu inventata in onore dei Duchi di Mantova, chi dice che la ricetta sia stata data in dono ad un pasticciere pratese da due Suore provenienti da Mantova che egli aveva ospitato, chi dice che una duchessa D'Este (della quale non mi ricordo il nome) abbia portato la ricetta in dono come dote ad uno dei Medici. Fatto sta che la mantovana è un dolce tipico di Prato, diffuso anche in buona parte della Toscana!

    ReplyDelete
  2. @Clarimonda.. è davvero un dolce misterioso e che ha scollinato arrivando nella pianura bolognese. Oltretutto è un dolce difficile: senza la ricetta giusta si trasforma o in una schiacciatina dolce, oppure in una ciambella.
    In futuro dovrò assaggiare la versione di Prato!

    ReplyDelete