27.7.05

La forma dello yogurt 2: Yogurt Chiffon Pie


Ispirata dal dessert che ho fotografato nel post La forma dello yogurt ho provato a dare una mia interpretazione di questo latticino... ne è uscita questa torta.
Ho improvvisato su tutto, dalla pasta al ripieno. Il risultato è stato soddisfacente: una pasta morbida, un ripieno con un buon contrasto dolce/amaro, un aspetto gradevole.

Unico neo: questa torta non gradisce lunghe conservazioni; per cui è meglio farla, lasciarla raffreddare e consumarla in giornata.


Vanilla Yogurt Chiffon Pie

Per la pasta:

350g farina (più un po' se serve)
80g zucchero
1 uovo
1 yogurt alla vaniglia
2 cucchiai di olio
1 cucchiaino di lievito

Per il ripieno:

gelatina di agrumi
2 yogurt alla vaniglia
100g zucchero + 3 cucchiai
2 uova
4 cucchiai colmi di amido di mais

Amalgamare tutti gli ingredienti della pasta, formare una palla e riporla in frigorifero avvolgendola in un foglio di alluminio per 30 minuti. Se la pasta fosse troppo morbida agiungere un po' di farina.
Per il ripieno separare i bianchi dai tuorli e montare questi ultimi con lo zucchero fino a scioglierlo. Aggingere gli yogurt e mescolare, poi l'amido di mais sempre mescolando.
Montare a neve i bianchi e continuando a frullare aggiungere lo zucchero un poco alla volta.
Stendere la pasta in un disco e porlo in una tortiera (diametro 26 cm.) imburrata e infarinata o rivestita di cartaforno.
Ricoprire la pasta con uno strato sottile di gelatina di agrumi. Aggiungere poi il ripieno a base di yogurt.
Rivestire poi tutta la superficie della torta con dei ciuffetti di meringa disposti irregolarmente utilizzando un cucchiaino.
Cuocere per 35-40 miunti a 150-170°C in forno preriscaldato.

2 comments:

  1. ...nel blog con tutto questo yogurt hai fatto tornare la regolarità intestinale a tutti i tuoi utenti.

    Un grazie di cuore da parte dei tuoi lettori. Ora non ci sentiamo più stanchi, tristi e di cattivo umore come la Marcuzzi....

    Mucca

    ReplyDelete
  2. Vedi? anche io sono utile... peccato che io assomigli alla Marcuzzi solo nel mignolo del piede sinistro!

    ReplyDelete