20.4.09

Classic Tapioca Pudding

Classic tapioca pudding
La tapioca inevitabilmente mi fa venire in mente la pappetta che mio fratello si doveva mangiare quando era piccolo. Non era per niente invitante, una cosa lontana anni luce dal buonissimo semolino :o)
Poi grazie a Sigrid ho scoperto che la tapioca può avere una forma divertente e presentarsi come piccole perline trasparenti. Mi incuriosivano molto soprattutto per capirne la consistenza, che non riuscivo ad immaginare, ma ero rassegnata a non riuscire mai ad assaggiarle causa irreperibilità.

E invece sbagliavo, poichè è bastato un giro da Naturasì per trovarle!
L'aspetto è quello del polistirolo in palline (davvero curioso) e in attesa di provare la ricetta per cui le ho acquistate ho deciso di sperimentare il dolce che la confezione definisce "il tradizionale budino di Tapioca brasiliano". Un dolce semplice, davvero molto dolce, ma dal sapore quasi neutro che viene completato dalla frutta usata per decorarlo. Però è decisamente simpatico da mangiare!!! Unica avvertenza: le dosi della ricetta sono eagerate, le ho provate così e la cucina è stata invasa da ciotoline di pudding!

Tapioca Pudding

120g Perle di tapioca
500ml Acqua
175g Zucchero di Canna
250ml Latte di Cocco
1 pizzico di Sale
Frutta per decorare

In una ciotola lasciare la tapioca in ammollo con acqua per circa 1 ora e poi scolarla.
Portare ad ebollizione mezzo litro di acqua e versarvi la tapioca. Aggiungere lo zucchero, il sale e il latte di cocco. Cuocere fino a quando le perle di tapioca saranno trasparenti.
Versare il composto ancora caldino in coppette monoporzione e, quando è freddo, decorare con la frutta.


21 comments:

  1. Sono curiosa anch'io di provare la tapioca e seguendo le tue indicazioni so dove reperirla e come prepararla :-))

    ReplyDelete
  2. Anche la tapioca è uno di quegli ingredienti a cui ci si avvicina grazie ai foodblog. Mai prima mi sarebbe venuto in mente di comprarla, invece ora sono curiosissima.
    Sicuramente la trovo anche qui in uno dei tanti negozi bio.
    Farò attenzione a non esagerare con le dosi :-)
    Un abbraccio
    Alex

    ReplyDelete
  3. Con le tue indicazioni, come sempre perfette, farò felice mio marito...
    Più volte all'anno è in Brasile per lavoro, e mi parla sempre bene della cucina brasiliana.
    Per caso...non sai mica dove trovare la farina di manioca,per poter fare il pao de queijo?
    Un abbraccio
    Aurelia

    ReplyDelete
  4. coem lenny anche io sono curioso di utilizzare la tapioca in questo modo.
    Di solito, la utilizza in piccola parte per panificare e basta.
    Bella idea!!!

    ReplyDelete
  5. Anch'io non avevo mai sentito parlare della tapioca in cucina, se non della farina per preparare i 'papponi' ai miei figli. Mi sa che proverò. Per Aurelia a venezia e a verona la farina di manioca e di quinoa (anche lei molto buona) la trovo al natura si o in farmacia (se non l'hanno, basta ordinarla ed il prezzo è anche inferiore al natura si)

    ReplyDelete
  6. @Lenny... bene bene, così avrai la tapioca anche per la prossima ricetta "con le bolle" :o)

    @Alex... hai perfettamente ragione: senza il post di Sigrid non avrei mai saputo che esisteva. Comprare qualcosa di commestibile che assomiglia al polistirolo non mi avrebbe attirato molto!

    @Aurelia... forse dico una fesseria ma, dal poco che so, la Manioca e la Tapioca sono la stessa cosa.
    La pianta da cui si ricava la farina si chiama Manioca o Cassava. Sono quei tuberi affusolati , marrone lucido, che si vedono in molti negozietti etnici di frutta e verdura. La farina che se ne ricava viene poi chiamata Tapioca. E come dice Marta dovresti trovarla al reparto farine dei negozi tipo NaturaSì.

    @Roberto... Queste perline gommose sono davvero simpatiche anche se praticamente insapori se cucinate in sola acqua.

    @Marta... i blog sono contagiosi!!!

    ReplyDelete
  7. Ma che bellino!Sembra una di quelle creazioni della cucina molecolare...invece!
    La proverò!L'ho vista tante volte e non l'ho mai comprata:)

    ReplyDelete
  8. Devo dire che la curiosità è tanta, ma altrettanto vigoroso è lo scettiscismo nei confronti di questa materia gelatinosa...mmmm...non sono ancora convinta al 100%!

    ReplyDelete
  9. L'ultima volta che sono andata da Naturasì sono rimasta venti min davanti alla confezione di tapioca, indecisa se acquistarla o meno...alla fine ho desistito, ma dopo questo strepitoso pudding e il dolve di cavoletto mi sa che la tentazione sarà troppo forte e alla prossima occasione cederò le armi
    Un bacione
    fra

    ReplyDelete
  10. La tapioca mi affascina... abilmente trattata potrebbe diventare un caviale vegetale, che dici?

    ReplyDelete
  11. La tapioca la usavo solo per le pappe dei miei bimbi....mi intriga questa ricetta!
    Complimenti per le foto!

    ReplyDelete
  12. anvedi che divertente la tapioca?! :-) Veramente passavo per segnalarti questo trovato per caso (di cui non sose sai o meno ma temo di no...)
    http://quoco.it/recipes/muffins-alla-nocciola/
    (ci arisiamo??)

    ReplyDelete
  13. @Sigrid... già, mi sa che ci risiamo. Ma chissà quante ce ne sono in giro di foto scopiazzate e noi non ce ne accorgiamo.
    Grazie anche per le perle di tapioca... sono buffissime!

    @Dolcienonsolo... fose piace anche ai bambini questo dolce, con tutte le bolle.

    @Elisabetta... direi che tu vedi nel futuro ;o)

    @Fra... si, mi sa dovrai cedere, perchè fare fatica e lottare contro queste piccole tentazioni???

    @Virginia... nella sua gelatinosità sta il fascino sella tapioca :o) Ti capisco, non sai quanto sono stata a giocare con il cucchiaino carico di pudding.

    @Saretta... grazie alla Tapioca: tutti come Ferran Adrià?!?!?! :o)

    ReplyDelete
  14. Effettivamente a parte le pappe mais e tapioca che davo a mio figlio, non l'ho mai provata. Forse è l'occasione giusta.
    Ciao

    ReplyDelete
  15. In casa sono l'unica consumatrice di tapioca.
    Scoperta dalla mia amica giapponese durante una delle sue cene thai. Ho tentato di proporre agli amici, ma non amano la consistenza. A me, invece, piace tantissimo. Qui a Trento si trova facilmente nei negozi di prodotti asiatici.

    OT Hai visto che bello il blog di http://zinzonzan.blogspot.com/?

    ReplyDelete
  16. Quelle posate...mica le avrai prese in Sudafrica??? Silvia

    ReplyDelete
  17. Mi aggrego al corteo di qui sopra, non la conoscevo da questo punto di vista, ma solo coniugaa alla papppa dello svezzamneto. Proverò anche io, di sicuro!|

    ReplyDelete
  18. Sono una fan della tapioca, ma come farina, devo ancora trovare un sistema per mandar giù tutte quelle palline gelatinose... ^_^
    Hai ragione però, il pudding di perle di tapioca è davvero simpatico...

    ReplyDelete
  19. @Ste... io le pappette non le ricordo poi così bene, so che esistono. Quasi quasi provo a farmene una :o)

    @Comidademama... per la tapioca anche mio marito non ne è stato propriamente entusiasta. Per me invece è molto divertente da mangiare.
    Bellissimo il blog che mi hai segnalato.

    @il Tortellino... magari!!!! non ricordo bene se l'ho presa da un rigattiere o, molto meno romanticamente, al co.import. :o)

    @Elga... secondo me si possono anche stupire gli ospiti (non troppo tradizionalisti) con queste buffe bolle.

    @Mika... fan della tapioca? davvero? Pensa che io non conosco ricette che prevedono la farina di tapioca.

    ReplyDelete
  20. Ma è un docle tipico di qualche paese o un'invenzione tua?

    ReplyDelete
  21. @Etnica... come ho scritto nel post, sull'etichetta della confezione di tapioca, questo dolce viene definito "il tradizionale budino di Tapioca brasiliano"

    ReplyDelete