30.1.14

Maneesh: un pane etnico per Panissimo

Maneesh

Questo Gennaio è passato davvero in fretta e oggi è l'ultimo giorno valido per partecipare a Panissimo, la raccolta organizzata da Sandra e Barbara. Pur essendo la partecipazione aperta a qualsiasi tipo di pane, questo mese era dedicato in particolare ai pani etnici.
Ho trovato la ricetta nel libro "La magia del forno" di Paul Hollywood, che ho acquistato di recente attirata dalla bella copertina e dal titolo intrigante, mentre aspettavo un treno e mi aggiravo tra i pochi negozi della piccola stazione.
Questa ricetta mi ha dato anche l'occasione di provare lo za'atar... Già, non lo avevo mai assaggiato, nonstante questo mix abbia impazzato in rete qualche tempo fa. Anche nelle food-mode arrivo tardi!!! oppure, per dare alla cosa un tono più positivo, potrei dire che ho i miei tempi ;o)


Il Maneesh è un pane mediorientale, che l'autore ha preparato anche per Claudia Roden, e può essere abbinato a varie salsine tra cui lo tzatziki, l'hummus e il baba ganoush. Può essere preparato si in forme grandi o in piccoli dischi monoporzione.


Maneesh
x 3 grandi o 10 piccoli - trata dal libro "La magia del forno"

500g Farina per pane
300-320g Acqua
25g Zucchero
10g Lievito di Birra
Olio e.v. di Oliva

8 cucchiai Za'atar (*)


In una ciotola unire la farina, lo zucchero e il lievito sbriciolato. Iniziare ad unire l'acqua un poco alla volta ed amalgamare la farina. Quando l'impasto inizia a formare grosse briciole unire anche il sale. Potrebbe non essere necessario unire tutta l'acqua, dipende da quanta ne assorbe la farina.
Ungere il piano di lavoro con poco olio, trasferire l'impasto sul tavolo e lavorare la pasta fino a quando è morbida, poi sistemarla in una ciotola lievemente unta e sigillare con pellicola trasparente. Lasciare lievitare 2 o 3 ore.
Trascorso il tempo trasferire l'impasto sulla spianatoia leggermente infarinata, sgonfiare la pasta piegandola ripetutamente su se stessa fino a quando è morbida. Dividerla in 3 o 10 parti uguali, stenderla in dischi sottili e disporli su delle teglie foderate di cartaforno. Chiudere ogni teglia in un sacchetto di plastica e fare lievitare 20 minuti.
Scaldare il forno a 230°C, in una ciotola mescolare lo za'atar con l'olio necessario a fornare una specie di pasta e spalmare il composto sulla pasta.
Cuocere per 15-20 minuti affinché siano ben dorati, poi farli raffreddare su una griglia.

L'autore indica che lo za'atar si può preparare con: 4 cucchiai di Semi di Sesamo (o 6 se piace), 4 cucchiai di timo essiccato, 2 cucchiai di maggiorana secca


Invio questa ricetta a Sandra del blog "Sono io, Sandra" che ospita la raccolta di Gennaio di Panissimo dedicata ai "Pani Etnici". Panissimo nasce dall'idea di Sandra e Barbara di Bread & Companatico.

5 comments:

  1. ma come sono buone? sono spettacolari, io per fare le foto ho dovuto toglierle dalla circolazione: me le mangiavano via via, appena uscite dal forno!
    grazie cara per questa bellezza!
    baci
    Sandra

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono buonissime :o) Per fortuna non ho in casa "guastatori di foto" e ho potuto fare con calma... ma non sono durate molto!

      Delete
  2. Concordo con Sandra! Spettacolari, me le annoto, vorrei provare a rifarle! Buon we! Alice

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Alice!
      Sono profumatissime! Avevo comprato poco za'atar perchè non sapevo se mi sarebbe piaciuto e l'ho finito, ma sono assolutamente da rifare!

      Delete
  3. Anonymous10/2/14 18:37

    I love your blog.. very nice colors & theme. Ɗid you design this website ʏourself or dіd you
    hire someone to do it for you? Plz reply ɑs I'm lοoking to design mу own blog aոd would likе to kոow where
    u got thіs fгom. mаny thaոks

    Alѕߋ visit my pаge: Youtube Free Movies Online Without Downloading

    ReplyDelete