26.4.11

Pasticcio di Faraona in Crosta

Pasticcio di Faraona in crosta

E così è già passata anche Pasqua.
A dire il vero quest'anno è stato un po' atipico. Niente pranzo abituale organizzato dalla mamma con zie e cugini, perchè alcuni cugini erano impegnati e perché mia mamma aveva problemi con il lavoro. Niente pranzo con gli suoceri, che dovevano venire qui a trovarci, perché io sono infortunata :o(
Con il gesso ad una gamba, e le mani impegnate a muovere le stampelle, stare in cucina ai fornelli diventa una impresa: ci metto un sacco di tempo solo per recuperare gli ingredienti e la gamba sana si stanca presto di sostenere tutto il peso.
Visto che non riesco a cucinare nuovi piatti, mi dedicherò a pubblicare le ricette che sono rimaste in archivio... sempre che non siano andati persi i foglietti su cui mi appunto le quantità.


Questa ricetta risale a qualche settimana fa, quando è tornato il freddo dopo alcuni giorni caldissimi per gli standard primaverili. Gli ingredienti e la quantità di calorie e grassi di questo pasticcio in crosta sono infatti molto invernali.
Mi sono letteralmente innamorata di questa ricetta durante un corso con Gianfraco a Le Tamerici. Come si nota dalla ricetta, la ricchezza e la quantità degli ingredienti rendono questo pasticcio adatto ad un buffet con varie persone, al fine di condividerne il sapore meraviglioso e anche le calorie :o) Può essere un piccolo secondo o un importante antipasto.

Pasticcio di Faraona in crosta - Particolari


Pasticcio di faraona in Crosta
x 8-10 persone
Per la crosta:

450g Farina
200g Burro freddo
15g Sale
Acqua fredda

Impastare velocemente la farina, a cui si è aggiunto il sale, con il burro fino ad ottenere un impasto sbriciolato. Aggiungere acqua freddissima fino a quando sarà possibile formare un panetto.
Avvolgerlo nella pellicola e porlo in frigorifero per minimo 30 minuti.
La pasta può essere preparata il giorno prima

Per il ripieno:

600g carne di Faraona
150g Verza
200g Salsiccia
1 cipolla piccola
Alloro
Sale, Pepe. Olio e.v. di Oliva

Tritare la cipolla e rosolarla con poco olio in una padella. Aggiungere la salsiccia spellata e sgranata e farla cuocere.
Unire poi la polpa della faraona tagliata a piccoli cubetti e l'alloro. Rosolare bene la carne.
Aggiungere quindi la verza e fare cuocere 10-15 minuti. Regolare di sale e pepe.

Sendere i due terzi della pasta e foderare uno stampo per torte. Inserire il ripieno e con la pasta rimamente formare un coperchio. Sigillare i bordi e praicare dei tagli nella pasta e un camino al centro per fare uscire l'umidità.
Cuocere in forno a 170°C per circa 40 minuti.

Con uno stampo da 24cm. di diametro risulterà una torta abbastanza alta e una crosta spessa. Aumentare la dimensione dello stampo per ottenere fette più basse.
Per la decorazione esterna ho copiato questa bella idea di Artemisia che agevola la cottura del bordo.


7 comments:

  1. evvabene, è vero, è molto molto ricca (per non dire calorica :D) però... una volta ogni morto di papa va bene! Perché è deliziosa! E poi... che crosta perfetta!
    Mi spiace per la tua gamba.. :( ora arriva pure il caldo, mi auguro tu non debba tenere il gesso ancora a lungo! Spero non sia nulla di grave ad ogni modo!

    ReplyDelete
  2. Una presentazione SPETTACOLARE!!
    Saluti da Giulia ( http://cucinainmusica.blogspot.com/)

    ReplyDelete
  3. non a caso ho pensato un bordo ritagliato (mi fa piacere ti sia piaciuto :)): amo le torte e i pasticci e questa mi attira molto. grazie di averla condivisa.

    ReplyDelete
  4. @fioOrdivanilla... W le bontà caloriche! :) la mia gamba è in via di guarigione, mancano solo 10 giorni.

    @Giulia... Grazie!

    @Artemisia... Sono contenta che ti piaccia e di nuovo grazie a te per l'idea del bordo: cosî è molto più commestibile.

    ReplyDelete
  5. Ciao, non so se lo sai ma sto "lavorando" all'abbecedario culinario (http://abcincucina.blogspot.com/) e da oggi è il tempo della G come Gallina/Galletto... Ti piacerebbe contribuire con questa deliziosa faraona?

    G come... Grazie :-)

    ReplyDelete
  6. @Aiuolik... So della tuo lavoro e sono felice di partecipare, però questo mio post non è proprio nel periodo della G, è una penna prima :)
    Bhè ci provo comunque, ora vado a leggere le regole per partecipare!

    ReplyDelete
  7. E anche la pagina della G è aGGiornata: http://abcincucina.blogspot.com/2011/05/g-come-gallina-galletto.html.

    Grazie ancora per la partecipazione e alla prossima!
    Aiuolik

    ReplyDelete