28.9.08

Buy & Try: Pane Nero ai Cereali

Pane nero ai Cereali
Impastare e lavorare gli i lievitati mi piace molto e sono sempre attratta da preparazoni lunghe e a volte complicate. Però ogni tanto sento il bisogno di ricette sbrigative, anzi, se la ricetta proprio non c'è forse è meglio! :o)

Questo pane è proprio una non-ricetta perchè basta acquistare un sacchetto di farina, aggiungere acqua e poco olio, impastare e in poche ore (3 o 4) si ottiene un pane morbido e profumato.
Tutto merito del Molino Spadoni e del mix per Pane Nero ai Cereali.

In passato avevo già provato la miscela per pane bianco ma questa versione in nero è molto più gustosa per la presenza dei semini. Se ne possono anche aggiungere, come ho fatto io utilizzando semi di zucca tostati.
Il pane si abbina benissimo a formaggi e salumi saporiti.

Pane nero ai Cereali

Questa miscela è ottimo modo per avvicinarsi alla panificazione se non si è molto pratici e si ha paura di fallire partendo dalla farina e dal cubetto di lievito di birra.

Alcuni suggerimenti:
  • utilizzare acqua minerale non gassata a temperatura ambiente
  • utilizzare una ciotola molto grande rispetto alla dimensione iniziale dell'impasto
  • sigillare la ciotola con pellicola trasparente e porla a lievitare dentro un armadietto della cucina
  • quando si mette l'impasto in foma per la seconda lievitazione non riempire eccessivamente gli stampi
  • disporre gli stampi su una teglia che li contenga e sigillare il tutto con pellicola trasparente utilizzando dei "rialzi" (ad es pacchi di farina) per evitare che la pasta, lievitando, arrivi a contatto con la plastica appiccicandosi
  • mentre si riscalda il forno e durante i primi 10 minuti di cottura sistemare un contenitore pieno di acqua sul fondo del forno per ritardare la formazione della crosta e fare lievitare ancora il pane







26.9.08

FoodBlogger salva innocenti Susine

Streuselkuchen alle Susine
Se Zorra non avesse pubblicato la ricetta del Mürber Pflaumen-Streuselkuchen le mie susine sarebbero state spacciate!
La colpa è sempre degli acquisti fatti d'impulso. Mi servivano due o tre susine da aggiungere al Rumtopf, non di più perché ques'anno ho aumentato le dosi di fragole e ciliegie e il posto rimasto è davvero poco.

Però dal fruttivendolo c'erano in offerta delle splendide Susine Stanley di cui sono golosissima, mi sono lasciate tentare e ne ho acquistato un cestino enorme!
Non avevo però pensato al fatto che mio marito non ama susine e le evita. Risultato: le susine stavano per finire nella spazzatura. La ricetta di Zorra però le ha salvate allietando la mia casa con un profumo intenso e il mio palato con un sapore celestiale :o)
Visto l'alto contenuto calorico non ho mangiato tutta la torta da sola: alla consumazione hanno contribuito i colleghi e anche il marito che non ha saputo resistere all'aroma che riempiva tutta la casa.

StreuselKuchen alle susine


StreuselKuchen alle Susine

185g Burro freddo
150g Zucchero
225g Farina di Mandorle
100g + 20g Farina
1 uovo + 1 tuorlo
3/4 cucchiaino di Baking Powder
3/4 cucchiaino diZucchero alla Vaniglia
1/4 cucchiaino di Cannella
6 Susine Stanley
Mandorle a scaglie per decorare


Nel mixer amalgamare il burro a pezzetti, la farina di mandorle e lozucchero fino a quando si ottengono delle piccole briciole. Non lavorare troppo per evitare che l'impasto si amalgami diventando troppo compatto.
Mettere la metà delle briciole in una ciotola in frigorifero.
Alla metà rimasta nel mixer aggiungere 100g di farina e azionare con modalità pulse per incorporare la farina.
Portare il forno a 170°C. Foderare una teglia 20x25 cm con carta forno e stendervi l'impasto, livellarlo e cuocerlo in forno per 20 minuti. Poi fare raffreddare per 10 minuti.
Togliere dal frigorifero la ciotola con l'altra metà delle briciole, metterne 6 o 7 cucchiai da parte.
Nella ciotola aggiungere 20g di farina, lo zucchero aromatizzato alla vaniglia, la cannella, il lievito, l'uovo e il tuorlo. Mescolare velocemente con una frusta per renderlo lievemente spumoso e versare nella teglia.
Tagliare le prugne snocciolate a pezzetti, dolcificare con un po' di zucchero vanigliato e disporle sull'impasto crudo. Porre in forno e cuocere per 20 minuti.
Trascorso questo tempo togliere la teglia dal forno, cospargere la superficie con le briciole di pasta tenute da parte e con le scaglie di mandorla. Reinserire quindi la teglia in forno e cuocere altri 20 minuti.


Vizualizza versione stampabile...

22.9.08

La pigrizia ha vinto di nuovo


Come al solito sono stata un po' latitante in questi untimi 15 giorni, ma le intenzioni non erano queste. Prima di partire infatti avevo fatto dei buonissimi propositi.

Già, perchè 15 gg fa sono partita per la seconda tranche delle vacanze annuali che mi spettano. Non ho fatto annunci e saluti perchè sapevo che avrei avuto a disposizione PC e connessione. Sapevo inoltre che il meteo non mi avrebbe consentito bagni di sole per cui ero intenzionata a scrivere parecchi post. In archivio ho infatti accumulato un po' di ricette e di foto da pubblicare e volevo rimettermi in pari.
La pigrizia vacanziera però ha avuto la meglio sulle mie buone intenzioni e così mi ritrovo ora con un po' di ricette estive da pubblicare "a futura memoria".

La foto ritrae una ricetta, scoperta l'anno scorso sul forum di Pan per Focaccia, che è diventata un punto fermo dei menu estivi: mi piace troppo. L'unico inconveniente è che serve accendere il forno e quando ci sono 29°C in casa non è una scelta facile da prendere. Ma per la gola questo ed altro! ;o)


Un grazie alla Signora Benedetta, energica mamma fiorentina, che ha pubblicato questa ricetta!



Cous Cous di Verdure
x 4 persone
Per il condimento:

1 Peperone rosso
1 Peperone giallo
1 Cipolla ramata
2 Zucchine
1 Melanzana
1 Mela
3 Pomodori perini maturi
1 Spicchio d'Aglio
2 Peperoncini piccanti
2 manciate di foglie verdi di sedano
Olio e.v. Oliva
Sale

Per il cous cous:
Cous Cous precotto come da quantità riportate sulla confezione
Foglie di Basilico
Succo di Limone

Tritare lo spicchio di aglio con i peperoncini e le foglie di sedano.
In un teglia o pirofila da forno mescolare il trito con tutte le verdure lavate, pulite e tagliate a tocchetti (lasciare la buccia sia alle melanzane che alla mela).
Condire con olio e sale e cuocere in forno a 180°C per circa tre quarti d'ora, mescolando un paio di volte, fino a quando le verdure saranno appassite e l'acqua di vegetazione ritirata.
Nel frattempo preparare il cous cous secondo le indicazioni riportate sulla confezione. Al momento di sgranarlo con la forchetta unire le foglie di basilico spezzettate e 2 o 3 cucchiai di succo di limone.
Servire le verdure calde o tiepide accompagnate dal cous cous.



Vizualizza versione stampabile...

12.9.08

Papero Giallo: aggiornate i vostri feed!

Ho appena provato ad accedere al blog di Stefano Bonilli attraveso l'indirizzo che da anni tengo nei bookmark: http://blog.gamberorosso.it/bonilli/ ma ottengo l'errore "404 Not Found".

Non è però un momento di crisi dei server del Gambero Rosso... il blog di Bonilli appare ora ad un nuovo indirizzo: http://blog.paperogiallo.net/

Aggiornate quindi i vostri feed e andate a leggere come mai si è verificato questo cambiamento...

Il Bicchierino del Bosco


Nel mio repertorio ho pochissimi bicchierini, anzi forse solo uno, così ho dovuto rimediare: sono così di moda!!!
Dalle riviste ad Internet sembra che se non si prepara qualcosa in bicchiere, non si possa nemmeno stilare un menu.
Non importa la pietanza che ci finisce dentro: antipasto, primo, secondo o dolce... tutto più essere infilato nel bicchiere.

Più volte mi sono soffermata in libreria a sbirciare un libro sul tema, ma ho rinunciato all'acquisto, perché le riette sono tutte più o meno note, il trucco sta nel disporre in modo aggraziato la pietanza prescelta nel bicchierino "adatto".
Infatti il bicchiere è molto importante, perchè deve essere un po' intrigante e se si presenta un bis, o tris, di dolci in bicchiere ne servono necessariamente tre tipi diversi.
Mi sa tanto che la moda non sa fare i conti con gli spazi delle cucine moderne: considerando una media di 6 persone a cena dovrei avere minimo 18 bicchierini da dolce oltre ai bicchieri da acqua, calici da vino, piatti, posate...
Se volessi servire anche un'altra pietanza in bicchiere mi servirebbero dei bicchierini un po' più grandi, ma poi io dove dormo se tutto lo spazio è occupato dai bicchierini? :o) Dovrò iniziare a cercare una nuova casa con cucina extra-large.


Ora un minimo di descrizione su questo bicchierino.
E' nato dall'esigenza di un dolce un po' fresco da servire in una serata caldissima.
Desideravo un tiramisù ma volevo evitare l'uovo a crudo. Così ho mantenuto il mascarpone, l'ho alleggerito con lo yogurt e guarnito con frutti di bosco.
Ne è risultato un dolce piacevole e soprattutto velocissimo da fare, cosa che non guasta mai!

Bicchierino del Bosco
x 12 bicchierini
Per la crema:
500g mascarpone
200g Yogurt bianco
1 Stecca di Vaniglia
Zucchero a velo q.b.

Per il succo:
100g Frutti di Bosco e Fragole
3 cucchiai di Zucchero Semolato

Per decorare:
200g Frutti di Bosco
4 Savoiardi

Preparare il succo ai frutti di bosco ponendo in un pentolino i 100g di frutti di bosco e lo zucchero. Mettere il pentolino sul fuoco a fiamma bassa e lasciar uscire dalla frutta tutto il succo mescolando ogni tanto e schiacciando i frutti.
Bollire per qualche minuto, preparare una ciotola con sopra un colino, togliere dal fuoco e mettere a scolare i frutti nel colino raccogliendo tutto il succo nella ciotola.
In un'altra ciotola montare con le fruste elettriche il mascarpone. Sempre montando aggiungere lo yogurt e i semi contenuti nella stecca di vaniglia.
Aggiungere lo zucchero a velo in base al gusto personale.
Riempire una sach a poche con la crema di mascarpone.
Spezzare i savoiardi in 3 parti. Bagnare abbondantemente i pezzi di savoiardo nel succo ormai raffreddato e metterne un pezzetto sul fondo di ogni bicchierino.
In ogni bicchierino fare poi uno strato di crema al mascarpone, aggiungere qualche frutto di bosco, fare un altro strato di crema e guarnire con altri frutti.
Porre in firgorifero fino al momento di servire.

Vizualizza versione stampabile...

3.9.08

Aggiornamento FoodBlog di Fine Estate


Ed eccomi all'appuntamento consueto, ma ahimé non più mensile, con l'aggiornamento della lista dei FoodBlog Italiani.
Cerco di fare attenzione quando creo questi post per evitare ripetizioni, ma la lista complessiva è ormai enorme, i nomi alcune volte sono simili per cui non mi accorgo se un blog è già inserito o meno. Spero mi perdonerete.

In questo periodo tanti blog sono nati ma qualcuno è stato anche chiuso. Uno in particolare mi stava a cuore ed era il blog di Mucca... stravagante, intelligente, critico, attaccabrighe ed indiscussa soubrette nel mondo dei FoodBlogger. Devo ammettere che mi manca.

N.B.: ricordo che questo è un elenco di blog che ho recentemente trovato in rete, non sono tutti i blog che ho "collezionato". La lista completa si trova in questo post: Lista FoodBlog Italiani


bello&buono
A Bagnomaria
a cena da giorgio
A tavola con semplicita'
Ameliabefana
Andrea&Chiara V

Barbaraland
Betulì
Bocetta's World
briciole (In Inglese)
bruchina in cucina

chez moi
chiedimi se sono felice in cucina
Chiunque può cucinare!
Cioccolato al Peperoncino
Clarita
Commenta il cibo, le ricette, le news culinarie
CongustoBlog
croce&delizia
cucina salutare
cucinare che passione
CUCINARE INSIEME A TE
cuochetta in punta di piedi

dEleciouSly
Deliri Inco[scenti|erenti]: ricette
Di tutto, di più e tanto altro
Diario di un Tartufaro
Dolci e Delizie
Dolci e Salati
Domo Mea

EleonoraPomodora
Enoteca di Nepi
Enotria on wine

Favole di pane
fiammateresa
FienileInFermento
Fior di Farina
FRATELLO SOLE
Fuori stagione

GIANCHEF
Golosona

i dolci di laura
I Golosòtopi
I Sapori dei Ricordi
i sogni son desideri...
Il Covo dei Golosi
Il Criceto Goloso
Il tesoro in fondo all'arcobaleno
IncucinaconlaSposadelvento
Io? MiArrangio

La casa di nessun luogo
LA CASTELLANA
La cucina di GiGì
La Cucina Secondo Gea
la cuoca eclettica
La DolceAversa
La fucina culinaria
La Polpetta Perfetta
la settimana gastronomica
Laboratorio Cingoli - Laboratorio Cingoli
L'acquolina di Cavallito&Lamacchia
Lafactory
l'aiuola odorosa
L'amore per la vita e la speranza di volare
L'Amour pour la Cuisine
L'angolo delle delizie
Le torte decorate di Beatrice

Ma allora cosa mangi?
Mammadeglialieni's blog
Mani in pasta
Marina's Kitchen Space (Inglese)
Mario Ragona
Mediterraneo in Cucina
MENTA&ZUCCHINE
Mestolo & Paiolo
Midnight Breakfast
Morbide dolcezze
MY ART

nonsiamochef
nonsolozucchero
Nuovo giro Nuova corsa

Olio Vino Peperoncino
OMBRA NEL PORTICO

passione e fantasia

Pasticciando in cucina
pasticcincucina
profumo di limone

quel che non strangola... ingrassa!

Recensioni ristoranti e opinioni libere
resistenza enogastronomica
ricette e pensieri sparsi
Ricette e segreti in cucina!
Ricette facili in cucina

Sapori diVini
sapori gluten free e nn solo!!
Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni
Skucinando's Weblog
Spizzichi&Bocconi
Spremute D'arancia
Studio Cru

terra di latte e miele
TheWineBlog.net (it)
Torta Creativa

Un pizzicotto di zucchero
Una streghina in cucina
Una Zebra a Torino: Savana e dintorni

Vaniglia e Cioccolato
Voglia di Pane Amore e Fantasia

Wine... in sicily

zioda'