12.10.08

Pane di Patate, Cipolle e Gruyère

Pane di Patate, Cipolle e Gruyère

Ultimamente sto concentrando la mia attenzione sul piacere che anche il profumo del cibo può dare. E' bellissimo ritornare a casa e sentire l'aroma del pane che si era finito di cuocere prima di uscire.


Bhè, ovviamente non tutti gli odori sono così gradevoli, domani ad esempio dovrò cuocere un cavolfiore: dopo inonderò la casa di deodorante alla lavanda! :o)
Il profumo di questo pane è davvero gradevole (devono però piacere le cipolle). E' un pane veloce da realizzare per riciclare una patata lessa avanzata oppure per il puro gusto di mangiarlo e annusarlo.



Pane di Patate, Cipolle e Gruyère

220g Farina 00
120g Patata Lessa schiacciata
40g Cipolla Dorata tritata
130g Gruyère a cubettini
80g Burro
250ml Latte
2 uova
1 Cucchiaino di sale
1/2 Bustina di Lievito per torte salate

Scaldare il forno a 170°C; imburrare e infarinare uno stampo da plumcake 20x11.
In una ciotola mescolare gli ingredienti secchi: la farina, il lievito, la cipolla, il formaggio e il sale.
Fondere il burro e lasciarlo intiepidire. In una ciotola sbattere le uova, aggiungere il latte, il burro fuso e le patate.
Unire il composto liquido al mix di farina e mescolare brevemente come per i muffin.
Versare l'impasto nello stampo, livellare la superficie con il dorso di un cucchiaio e porre in forno. Cuocere per circa 50 minuti, prolungare eventualmente la cottura se inserendo uno stecchino al centro non esce asciutto.
Sformare il pane e lasciarlo raffreddare su una gratella



Vizualizza versione stampabile...

20 comments:

  1. Immagino il profumo che emana questo pane...
    Cara Simona diffida sempre delle persone che non ingrassano mangiando...secondo me non mangiano!!!!ahahahahah scherzo, ma non troppo ;-**** Buona notte!

    ReplyDelete
  2. Il profumo del pane è inconfondibile, è una cosa più buona al mondo!

    Per quanto riguarda i cavolfiori, perché non ci metti un mezzolimone dentro l'acqua? Attenua la "puzza".. ;-)

    ReplyDelete
  3. Dall'aspetto sembra piacevolmente umidiccio, o sbaglio? Basta mangiarlo nudo e crudo o consigli di abbinarci un "companatico"? Ma dalla tua descrizione sembrerebbe più un ottimo cake salato.
    Buon inizio settimana
    Alex

    ReplyDelete
  4. @Ady... anche io la penso esattamente come te! Però mi piacerebbe essere come Fiammetta Fadda...

    @Rossa... devo ammettere che alla fin fine l'odore del cavolo non mi dispiace, il problema è la sua persistenza :o)

    @Alex... In effetti questo è un quickbread, sostanzialmente un cake salato. L'ho chiamato Pane così come era sul mitico librino dei QuickBreads che ho più volte citato.
    E' umidiccio e morbido, già saporito di suo. Però un po' tostato può accompagnare una zuppa... magari di cipolle!

    ReplyDelete
  5. Assomiglia di più ad un pane o ad un cake salato?
    Al gusto intendo..sembra sfiziosissimo.
    Intanto copio.
    Grazie
    ciao

    ReplyDelete
  6. beh, divino!
    Bacione
    Saretta :)

    ReplyDelete
  7. Amo quando la casa si riempe dell'odore del pane o delle torte appena sfornate...Una coccola olfattiva che non ha prezzo!
    Un bacio
    fra

    ReplyDelete
  8. @Michela... assomiglia di più ad un cake.

    @Saretta... ne ho fatto quasi indigestione :o)

    @Fra... è bello non sentirsi soli in queste "passioni"

    ReplyDelete
  9. Simona hai mai visto Fiammetta Fadda ridere di gusto????
    Le magre sono tristiiiiiii!!!
    Un abbraccio
    P.S. a Chef per un giorno comunque mangia come un uccellino....

    ReplyDelete
  10. Perche' il cavolfiore che e'' tanto buodo deve emanare quel benedetto odorino sulfureo??? :)

    Mi piace molto la ricetta di questo cake, deve essere ottimo anche servito come aperitivoo (anche se e' proprio un piatto sostanzioso!)
    Ciao :)

    ReplyDelete
  11. Mi piace soprattutto l'idea di riciclarci una patata già lessata...

    ReplyDelete
  12. @Ady... sai che per lei la regola della tristezza non vale? E' spiritosa e sorride :o)
    In tv non la vedo perchè è da molto che la tv si è trasformata in un soprammobile.

    @Ciboulette... all'odore del cavolo non ho trovato rimedio... tranne uno: lo si mangia crudo!
    Questo pane è perfetto per un aperitivo!

    @Aiuolik... come credi mi sia venuta l'idea di farlo? Sfogliavo il libro di ricette e la patata lessa tra gli ingredienti mi ha ricordato che ce ne era una in frigorifero che rischiava di essere buttata :o)

    Per non farlo tutto giallo poi ho aggiunto un po' di prezzemolo!

    ReplyDelete
  13. wow...che buono...sento già il profumino uscire dal forno!

    ReplyDelete
  14. piace molto anche a me questo pane veloce alla patata, ottimo per riciclare qualche formaggio quasi finito, e magari qualche verdura da usare, da aggiungere alle cipolle.


    Francesca

    ReplyDelete
  15. Questo sarà uno dei prossimi ad entrare nel mio forno, ne sento già il profumo!
    Merci!

    ReplyDelete
  16. L'ho fatto ieri sera, ma non mi è venuto bello come il tuo! Favoloso come sapore, ma poco lievitato e con la crosta un po' troppo croccante. ...forse avevo il forno troppo alto...

    Oggi è il mio pranzo!

    Buona giornata da Niknik!

    ReplyDelete
  17. @Niknik... il cake non lievita poi tantissimo. Per la crosta croccante immagino fosse il forno un po' alto. Io ho il forno a gas e quasi mai la superficie mi si colora: una maledizione!

    ReplyDelete
  18. ricetta decisamente invitante per questo pane, complimenti

    ReplyDelete
  19. @Gunther... in effetti è un pane goloso, grazie!

    ReplyDelete
  20. CIAO volevo darvi due consigli... a posto delle patate lesse potete fare molto velocemente un pure di patate pronto con solamente dell'acqua calda... il risultato sara' una patata schiacchiata...^^ e poi per il cavolfiore basta aggiungere un cucchiaio di aceto e non si sente nessun "profumo" strano per la casa...

    ReplyDelete