5.10.08

La Vichyssoise di Freya

La vichyssoise di Freya

La Vichyssoise è una zuppa che va servita fredda e per questo è tipicamente estiva. Ma a me piace di più quando è tiepidina e con tanto pepe al posto dell'erba cipollina.
Oggi poi era una bellissima giornata in barba alle previsioni di freddo gelido e così una minestra tiepida era davvero l'ideale. Soprattutto visto che ieri sera non ero stata molto leggera: salamina e puré!!!
La ricetta della vichyssoise me l'ha insegnata Freya secoli fa su Prezzemolo&Finocchio ma su quel forum non riesco più a trovarla. Si può trovare ora nel database di AltroTempo ;o)




La Vichyssoise di Freya
Sminuzzare 250 g di bianco di porro e tagliare a cubetti altrettante patate sbucciate. Far stufare i porri incoperchiati - non devono prendere colore - con 50 g di burro, aggiungere le patate, mescolare. Aggiungere 1,75 l d'acqua, mescolare bene, salare e perare; aggiungere un mazzetto aromatico (timo e rosmarino) e far bollire da 30 a 40 minuti. Passate al setaccio, rimettete sul fuoco, aggiungere almeno 2 dl di panna e riportare a bollore mescolando sempre con la frusta.
Far raffreddare, metterla in frigo per almeno un'ora. Servire con erbacipollina tritata

Variante di Staximo: servire tiepida con tanto pepe.


17 comments:

  1. questa me la ricordo, buonissima!!! anche a me piace tiepida. :-)

    ReplyDelete
  2. Anche io la preferisco caldina. È tempo di vellutate ... e con questo tempaccio ci si consola così.
    Bellissima la foto.
    Buona settimana, Alex

    ReplyDelete
  3. foto spettacolare, piatto da provare.

    ReplyDelete
  4. tiepidina deve essere divina!Bisogna coccolarsi ora che fa freddo!:)OTTIMA
    Buona giornata
    saretta :)

    ReplyDelete
  5. Sono riuscita a sdoganare i porri per il mio fidanzato solo dall'anno scorso (!!!) e la Vichy non gliel'ho ancora fatta...
    Che bello il ritorno di questi piatti invernali...stamattina i blogs ne sono un tripudio...

    ReplyDelete
  6. @Erika... in effetti ne è passato di tempo! Non sai che fatica ho fatto per ritrovare la ricetta che avevo salvato ma non trovavo più.

    @Alex... le vellutate sono simpatiche, le tue poi sono davvero molto "esotiche"!!!

    @Stefano... spero che la mia macchinetta non mi abbandoni, sta iniziando a fare i capricci e a dare sospetti messaggi di errore :o(

    @Saretta... quando è fredda secondo me si sente troppo l'untuosità della panna che si rapprende in microsfere. Calda invece è profumatissima e davvero confortante!

    @Virginia... ahaaaaa, questi uomini schizzinosi, che pazienza!!!! :o) vai di Vichyssoise, al limite per mediare diminuisci un po' i porri e aumenta le patate.

    ReplyDelete
  7. Coccolosissima, bella tiepida è un toccasana in queste giornate freddine
    Un bacio e buona settimana
    Fra

    ReplyDelete
  8. Mai assaggiata...la aggiungo tra le cose da provare!

    Ciaooo,
    Aiuolik

    ReplyDelete
  9. Buonissima dovrei proprio rifarla !!! Un bacio Laura

    ReplyDelete
  10. Nella versione di vichyssoise che conosco io si usa il brodo di pollo e poi il latte mescolato alla panna. Alla fine invece si aggiunge la crème fraiche, quest'ultima è perfetta per essere gustata fredda (provare per credere!;-)

    La foto è in grande stile, complimenti!

    ReplyDelete
  11. Stavo appunto dicendo ad alex (sempre lei)...mmmmm, quanto adoro le vellutate! Tiepidine! Però adorerei anche la tua cenetta pesantina... come facciamo?!

    ReplyDelete
  12. @Fra... indicatissima con freddo, ma per fortuna ora il clima è un po' più mite: il passaggio estate-autunno era stato un po' troppo traumatico all'inizio.

    @Aiuolik... provala!!! a me piace il porro e di questa crema ne mangerei a litri!

    @Laura... anche a te capita di "dimenticare" le ricette? io a volte passo mesi a fare sempre quella e poi la dimentico per anni.

    @Rossa... in effeti con la crème fraiche non deve risultare unta al palato quando è fredda. Se la trovo proverò a sostituirla alla panna in estate.

    @Precisina... basta saper alternare: un giorno cena ammazzafegato, il giorno dopo vichyssoise trasformata magari in una meno aristocratica crema di porri e patate ;o)

    ReplyDelete
  13. Anche a me piace tiepida e con tanto pepe nero che con le patate ci sta benissimo...
    Per me è un piatto consolatorio e se proprio voglio renderlo goloso ci metto un cucchiaino di creme fraiche al centro!
    un abbraccio

    ReplyDelete
  14. Mi piace la tua nuova veste.
    Vellutata da provare, bravissima!

    ReplyDelete
  15. Io l'ho fatta quando faceva ancora caldo, e nonostante cio' mi e' piaciuta di piu' intiepidita, come a te :))

    O meglio, ne ho fatto una versione alleggerita usando lo yogut al posto della panna, ma un giorno di questi me la regalo la versione originale....e magari tradisco l'erba cipollina per il pepe, come suggerisci tu :))

    ReplyDelete
  16. che delizia!! complimenti per il blog...veramemte bello bello!!!

    un bacione ^_^

    ღ Sara ღ

    ReplyDelete
  17. @Ady... sto iniziando a capire perchè ho la tendenza ad ingrassare: per me tutti i piatti sono consolatori e non solo la Vichyssoise :o)

    @lagallinaincucina e Sara... Grazie!

    @Ciboulette... ma come? tradisci il tuo nick!?!?!?!? :o) Io la panna la metto solo quando ho ospiti, per me la faccio o senza niente o con un po' di latte.

    ReplyDelete