10.12.07

Dalla Tradizione: gli Knödel.


Recentemente sembra che la parola "tradizione" sia ricorrente tra coloro che si occupano di informazione gastronomica. Non ho ancora capito bene cosa si intende per tradizine quando la si applica al mondo trendy del food&wine.
Immagino già che non vorrà dire che nei ristoranti si tornerà ad una classica cucina regionale e così rimedio io :o)
Non potendo essere sempre in giro per l'italia alla ricerca dei sapori tipici li porto nella mia cucina.
Visto che inizia a fare freddo ho abbinato al brodo caldo, non i soliti tortellini, ma gli Knödel classici allo speck. Come primo tentativo mi è andato tutto bene: temevo che mi sarei ritrovata i pezzi di pane e speck che gallegiavano sparsi nel brodo!

Knödel con lo Speck
250gr Pane Bianco raffermo.
150gr Speck
250ml Latte
2 Uova
1 Cucchiaio di Cipolla tritata finemente
1 Cucchiaio di Burro
2 Cucchiai di prezzemolo tritato
1 Cucchiaio di erba cipollina tritata
1 Cucchiaio di Farina
Brodo di carne
Sale e Pepe

Tagliare il pane a dadini di circa mezzo cm di lato e lo speck in cubetti finissimi (2-3 mm) per non compromettere la tenuta del knödel.
Rosolare la cipolla nel burro a fuoco bassissimo, aggiungere lo speck, lasciare insaporire e spegnere. Mescolare cipolla e Speck in una ciotola con il pane.
Scaldare il latte e versarlo sul pane rimescolando con un cucchiaio per fare assorbire uniformemente il liquido. Lasciare intiepidire e aggiungere le uova leggermente sbattute, il prezzemolo e l'erba cipollina. Pepare e salare poco poichè lo speck è saporito. Mescolare con cautela l'impasto, ricoprire la ciotola con pellicola e lasciare riposare qualche ora in frigorifero.
Trascorso il tempo di riposo aggiungere la farina e mescolare.
Con le mani formare i knödel nella forma di palle di diametro di circa 5-6 cm.
Portare ad ebollizione il brodo, abbassare la fiamma e depositare con cautela i knödel nella pentola. Cuocere per 15 minuti circa al minimo bollore.
Servire i knödel con un po' di brodo decorando con erba cipollina.

Nota: io avevo solo prezzemolo...

Fonte della ricetta: www.altoadige-suedtirol.it

No comments:

Post a Comment