12.10.07

Peperoncino sott'olio: cotto vs crudo


Ho conosciuto i peperoncini sott'olio circa 25 anni fa quando i miei genitori cedettero ad una promozione e ne comprarono tre vasetti oltre all'olio Vezza.
Con la libertà di movimento che c'è ora forse fa ridere pensare all'acquisto da venditori che consegnano a casa ma allora erano altri tempi: ci si spostava meno, nei paesi non c'erano i supermercati e le botteghe offrivano sempre le solite cose.
I peperoncini ci apparvero, a quel tempo, esotici. E ci conquistarono!!!
Furono il prodotto che ci dispiacque perdere quando i mei genitori decisero di non acquistare più i prodotti Vezza.
Recentemente non ci avevo più pensato ed erano anche tanti anni che non ne avevo più mangiati.
L'anno scorso però mi sono imbattuta in varie ricette su alcuni forum di cucina e, scoperto anche dove poterli acquistare, ho deciso di provare a replicare i sapori che ricordavo.
C'era però un grande dubbio: peperoncino cotto o crudo???
Infatti le varie ricette erano divise in due filoni: quelle con i peperoncini sbollentati in acqua e aceto per pochi minuti e quelle con i peperoncini marinati a lungo nell'aceto.
Non potendo solo immaginare ho dovuto provare, così l'anno scorso ho preparato una serie di vasetti con i peperoncini marinati. Sono piaciuti a tutti ma il sapore dell'aceto è molto forte.
Quest'anno ho fatto invece quelli che richiedono cottura: un successo! Il sapore è molto più bilanciato e un peperoncino tira l'altro!


Peproncini sott'olio
Peperoncini tondi piccanti
Tonno sott'olio
Capperi sott'aceto
Acciughe sotto sale
Olio e.v. di oliva
Aceto di Vino


Pulire i peperoncini togliendo un piccolo dischetto attorno al picciolo e togliendo i semi. Eseguire questa operazione con i guanti e fare attenzione a non spaccare i peperoncini.
Dissalare e pulire le acciughe.
In una ciotola spezzettare il tonno, unire i capperi e le acciughe entrambi tritati finemente. Assaggiare e regolare le dosi degli ingredienti in base al proprio gusto.
Portare ad ebollizione una pentola con acqua e aceto (metà e metà), sbollentare i peperoncini per 5 minuti e poi metterli in uno scolapasta per fargli predere tutta l'acqua.
Riempire i peperoncini con il composto di tonno, porli nei vasetti sterilizzati, coprire di olio e chiudere con il coperchio.
Conservare in frigo e consumare almeno dopo 15 giorni.

Nota: io ho usato circa 500g di tonno, 150g di capperi e 15 acciughe per riempire 1Kg di peperoncini.
Purtroppo pubblico in ritardo la ricetta ma ho aspettato un po' prima di assaggiarli affinché i sapori si mescolassero.



Technorati Tags: /, ,

No comments:

Post a Comment